Acqua Egeria presenta la filiera sostenibile al Cibus

La fonte romana festeggia 70 anni

1074

EgeriaUna attenzione al ciclo di vita dei prodotti è alla base della produzione dell’acqua Egeria. La falda acquifera che da oltre 2000 anni disseta la città di Roma, festeggia i 70 anni di proprietà della Acqua Santa di Roma al Cibus, Salone Internazionale dell’Alimentazione in corso a Parma dal 7 al 10 maggio.

Produzione energetica da fotovoltaico, uno spazio verde fruibile a tutti con area giochi, spazio pic-nic e noleggio biciclette, sono parte dell’area attrezzata messa a disposizione degli utenti e rispecchia l’attenzione della Fonte a una relazione positiva con l’ambiente e ridurre l’impatto ambientale.

Imbottigliamento e impatto ambientale

Dal 2016 la fonte ha introdotto un design innovativo e un nuovo impianto d’imbottigliamento della linea PET, che ha permesso la riduzione di oltre il 30% dei consumi energetici e il peso, quindi riducendo la quantità di uso del materiale, dei contenitori.

A questa azione di progettazione e produzione del prodotto, fa da sponda la realizzazione di un’isola di recupero per il corretto smaltimento e riciclo delle confezioni in PET.

La linea vetro, molto apprezzata all’estero, sarà al centro delle innovazioni presentate al Salone Internazionale dell’Alimentazione.

Acqua a km0

Nel rispetto dell’approccio green è possibile approvvigionarsi direttamente alle 400 fontanelle della fonte. Un modo per limitare, almeno per il consumo domestico della Capitale, le emissioni di CO2 degli automezzi e riusare i contenitori.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.