idrogeno verde filiera dell'idrogeno

La partnership tra Fortescue future industries (Ffi) and Tree energy solutions (Tes) vedrà le due società collaborare per affrontare la duplice sfida della sicurezza e transizione energetica. Insieme, svilupperanno la produzione di idrogeno verde su scala industriale a livello globale, concentrandosi inizialmente su Australia, Europa, Medio Oriente e Africa. Inoltre, combineranno l’esperienza di Ffi, leader di mercato nello sviluppo della produzione di energia rinnovabile su larga scala, con l’esclusivo modello commerciale sostenibile di Tes e l’accesso al mercato europeo dell’idrogeno verde.

Il progetto

Per garantire un’immediata sicurezza energetica all’Europa, il Ministero federale tedesco dell’Economia e della protezione del clima ha recentemente scelto Tes per sviluppare e implementare congiuntamente la quinta unità di rigassificazione con stoccaggio galleggiante della Germania, a Wilhelmshaven.

Parallelamente, il terminale Tes fungerà da punto di ingresso primario per l’energia pulita, sicura, conveniente e abbondante in Europa, nonché da catalizzatore per un’economia circolare del carbonio. 

Tes importerà idrogeno verde sotto forma di gas naturale rinnovabile, che è economico, facile da trasportare e da stoccare, in quanto può sfruttare l’infrastruttura energetica globale esistente. 

La CO2 come vettore

La CO2 fungerà da vettore quando il gas raggiungerà la Germania, sarà catturato e trasportato di nuovo al luogo di approvvigionamento, dove viene prodotto l’idrogeno, in un sistema circolare a ciclo chiuso a zero emissioni di carbonio. 

Questa nuova collaborazione con Ffi dimostra l’impegno di Tes nel dare il proprio contributo alla transizione energetica globale, accelerando l’importazione e la produzione di molecole verdi come alternativa a basso costo agli attuali combustibili fossili. L’azienda offre un modello unico per convertire grandi quantità di elettroni rinnovabili provenienti da luoghi soleggiati e ventosi nel gas rinnovabile più conveniente.

Marco Alverà, ceo di Tes, ha dichiarato: “Siamo lieti di annunciare questa partnership che segna una nuova pietra miliare nella fornitura di idrogeno verde scalabile e accessibile, oltre a garantire la produzione di energia rinnovabile. Questo accordo è un’altra pietra miliare nella costruzione di Tes come uno dei principali attori dell’idrogeno nel mondo per accelerare la transizione energetica con l’alternativa verde più conveniente, bancabile e scalabile agli attuali combustibili fossili”.

La prima fase di questa partnership prevede lo sviluppo congiunto e l’investimento nella fornitura di 300mila tonnellate di idrogeno verde, con i siti finali attualmente in fase di definizione. Le prime consegne di idrogeno verde al terminale Tes di Wilhelmshaven sono previste per il 2026. I progetti di idrogeno verde sviluppati congiuntamente produrranno una quantità di energia verde rinnovabile sufficiente ad alimentare 1,5 milioni di famiglie.

Il presidente esecutivo e fondatore di Fortescue future industries, Andrew Forrest, ha dichiarato: “Il Regno Unito e l’Europa hanno urgente bisogno di soluzioni energetiche verdi per sostituire i combustibili fossili. Questo importante investimento contribuirà a fare esattamente questo. Non nel 2050, ma tra quattro anni”.

Mark Hutchinson, amministratore delegato di Ffi, ha continuato: “Questo investimento supporta la realizzazione dell’accordo di fornitura di Fortescue con E.ON, il più grande distributore di energia della Germania. A marzo di quest’anno abbiamo annunciato che avremmo fornito cinque milioni di tonnellate di idrogeno verde alla Germania, a partire dalla metà del decennio”. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.