Tutti pazzi per i green bond sovrani

144

finanza etica rischi finanziari finanza_verde_sostenibile_efficienzaI green bond sovrani, titoli di debito emessi dai governi con l’obiettivo specifico di finanziare progetti sostenibili come la produzione di energia rinnovabile o il risparmio energetico o ancora il trattamento dei rifiuti, hanno visto un sensibile aumento negli ultimi anni, sia del prodotto stesso, che delle emissioni, con Germania, Svezia e Ungheria in testa nel 2020, dopo che la Polonia, nel dicembre 2016, aveva inaugurato il mercato Europeo. Anche la Spagna e il Regno Unito hanno annunciato piani per emettere le loro prime obbligazioni verdi nel 2021.

Il 3 marzo scorso, L’Italia ha emesso il suo primo green bond con scadenza a 24 anni. Un collocamento obbligazionario da 8,5 miliardi di euro con scadenza 2045. Sarà destinato per lo più all’efficienza energetica e alla tutela dell’ambiente a tutto tondo.

NN Investment Partners (NN IP), asset manager con un’esperienza di oltre 20 anni negli investimenti responsabili, ha lanciato l’NN Sovereign Green Bond, il primo fondo con un focus specifico sui green bond sovrani che punta a un impatto ambientale positivo attraverso il finanziamento di progetti, come il Btp Green appena collocato. Questo tipo di offerte è molto flessibile ed agevola gli investitori nel rendere la loro allocazione più sostenibile.

Secondo le stime di NN IP, l’emissione globale di green bond quest’anno potrebbe aumentare fino a 400 miliardi di euro (+50% rispetto all’anno scorso), ponendo il mercato totale al di sopra della soglia di 1 trilione di euro con una crescita a livello globale dei green bond fino a 2 trilioni di euro entro la fine del 2023.

Bram Bos, lead portfolio manager green bonds di NN Investment Partners, afferma: “Sono orgoglioso di far parte dello sviluppo di un asset class che giocherà un ruolo chiave nel finanziare l’inversione di rotta nel cambiamento climatico e nel sostenere l’ambiente. Mentre in passato la domanda degli investitori per le obbligazioni verdi proveniva principalmente dagli investitori a impatto, ora notiamo che più investitori tipici del reddito fisso stanno investendo in green bond. Questi investitori sono alla ricerca di un portafoglio più sostenibile senza sacrificare la performance finanziaria. L’offerta di un’ampia gamma di strategie green bond rende tutto ciò ancora più semplice, in quanto consente loro la massima flessibilità nell’allocare obbligazioni verdi che replicano le caratteristiche delle obbligazioni tradizionali del loro portafoglio”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.