idrogeno“Studiare modalità di fornitura e rifornimento di idrogeno da fonti rinnovabili e dal recupero di materia per alimentare i nuovi treni della linea Brescia-Iseo-Edolo. Annunciati da Fnm e Trenord lo scorso 26 novembre”. E’ questo l’obiettivo con cui Fnm, A2a e Snam hanno firmato un memorandum d’intesa per dare ulteriore impulso allo sviluppo della mobilità a idrogeno verde in Lombardia. A sottoscrivere l’accordo il presidente di Fnm Andrea Gibelli, l’amministratore delegato di A2a, Renato Mazzoncini e l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà.

Un sistema di produzione e rifornimento di idrogeno per i nuovi convogli a energia pulita

Nello specifico la firma dell’accordo si inserisce nel quadro più ampio del piano denominato H2iseO. Quest’iniziativa consentirà di creare in Lombardia, e in particolare nel Sebino e in Valcamonica, la prima “Hydrogen valley” italiana. Il territorio, a partire dal 2023, sarà dotato di una flotta di treni a idrogeno e delle relative infrastrutture.

La collaborazione tra Fnm, A2a e Snam per promuovere la mobilità a idrogeno

In particolare, si legge in una nota, “Fnm, A2a e Snam, ciascuna per le proprie competenze, collaboreranno alla realizzazione di un sistema di produzione e rifornimento per i nuovi convogli a energia pulita. che saranno acquistati da Fnm e affidati a Trenord”.  Questi treni “sostituiranno gli attuali a motore diesel sulla linea ferroviaria gestita da Ferrovienord (società al 100% di Fnm). Successivamente, entro il 2025, la soluzione idrogeno verrà estesa anche al trasporto pubblico locale. Con circa 40 mezzi gestiti in Valcamonica da Fnmautoservizi (società al 100% di Fnm), con la possibilità di aprire anche alla logistica merci”.

Un “primo passo” verso la decarbonizzazione del trasporto pubblico della valle

La conversione a idrogeno della tratta ferroviaria non è un progetto isolato ma rappresenta, come si legge in una nota, “un primo passo verso la decarbonizzazione dell’intero sistema di trasporto pubblico locale della valle“. Offrendo opportunità in questo senso anche alla mobilità privata, grazie alla versatilità delle stazioni di rifornimento.

“I primi treni a idrogeno ricaveranno dal territorio l’energia per muoversi“

“L’iniziativa per la creazione della prima Hydrogen valley italiana, promossa da Fnm in collaborazione con Trenord – spiega in nota il presidente di Fnm Andrea Gibelliguarda al futuro. Ed è parte di un disegno più articolato che punta alla creazione di servizi di mobilità costruiti secondo criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale. La presenza diffusa di centrali che producono energia da fonti rinnovabili come l’idroelettrico, ma non solo, è una delle peculiarità che rende la Valle Camonica particolarmente adatta allo sviluppo del progetto H2iseO. Che ha una forte componente di innovazione e che ha l’ambizione di diventare un modello da replicare in altre aree del Paese. I primi treni a idrogeno che circoleranno sulla Brescia-Iseo-Edolo ricaveranno proprio dal territorio, in una logica di filiera e di economia circolare, l’energia necessaria a muoversi a zero impatto ambientale. Realizzando il primo esempio di totale decarbonizzazione del trasporto pubblico locale”.

“Rafforziamo il nostro impegno a investire per la decarbonizzazione dei trasporti ferroviari italiani grazie all’idrogeno”

“Con questo accordo – commenta in nota l’amministratore delegato di Snam, Marco Alverà rafforziamo il nostro impegno a investire per la decarbonizzazione dei trasporti ferroviari italiani grazie all’idrogeno. I treni rappresentano la prima applicazione nella quale l’idrogeno verde sarà competitivo. Per questo, oltre a preparare la nostra rete a trasportare quantitativi sempre maggiori di idrogeno, abbiamo previsto nel piano 2020-2024 di Snam investimenti per circa 150 milioni di euro per lo sviluppo di sistemi di rifornimento dedicati alla mobilità ferroviaria sostenibile. Che permetteranno di convertire le tante tratte ancora non elettrificate della rete italiana. I treni saranno uno dei primi passi nella creazione di una filiera nazionale dell’idrogeno. Che potrà garantire nuove opportunità di sviluppo e occupazione”.

Ruolo “fondamentale” dell’idrogeno nella transizione energetica

“Innovazione e sostenibilità sono due parole chiave della nostra azione, valori che sono alla base di questa importante collaborazione – sottolinea in notaRenato Mazzoncini, amministratore delegato di A2a. “L’idrogeno potrà certamente avere un ruolo fondamentale nel favorire la transizione energetica per contribuire al raggiungimento dell’obiettivo europeo di emissioni di CO2 zero al 2050. La natura multibusiness del nostro Gruppo ci pone nella condizione di poter mettere a disposizione diverse soluzioni per la produzione di idrogeno green nell’area interessata dal progetto. Dagli impianti idroelettrici ai nostri asset nell’ambito dell’economia circolare. Questo accordo è un ulteriore tassello nel percorso intrapreso da A2a per sviluppare le potenzialità di questa importante risorsa”. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.