MicrobiRealizzare una mappa dei microbi che vivono negli Oceani grazie a una flotta di robot subacquei. È il progetto di un gruppo di ricercatori oceanografi e ingegneri dell’Università delle Hawaii, Mānoa e del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) che lo scorso 10 marzo ha installato tre veicoli subacquei autonomi a lungo raggio (LRAUV) nelle acque al largo delle Hawaii. Quella del 10 marzo era per lo più una prova per rodare i macchinari. Quando si entrerà a regime questi veicoli saranno in grado di viaggiare autonomamente e raccogliere dati per oltre 966 km.

Come funzionano

Ognuno di questi dispositivi è munito di sensori per raccogliere informazioni ad esempio sulla temperatura dell’acqua o sul contenuto di clorofilla. Questi macchinari riescono inoltre a prelevare durante il viaggio i campioni d’acqua che serviranno agli studiosi per analizzare le tipologie di microbi nei diversi punti dell’Oceano e per fornire informazioni sulla struttura dei vortici, gli ambienti dove questi microbi vivono, nelle diverse tipologie di alghe.

Una trasformazione dell’Oceanografia

“Penso davvero che queste soluzioni trasformeranno l’oceanografia dandoci una presenza persistente nell’oceano, una presenza che non richiede una barca, può funzionare in qualsiasi condizione meteorologica, e può rimanere all’interno della stessa massa d’acqua mentre gira per l’Oceano aperto”, spiega in una nota Jim Birch, ingegnere capo del progetto.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.