Il bosco di Asiago certificato FSC

899

Bosco AsiagoUn primo passo per il Veneto, un enorme contributo alla cultura di gestione responsabile delle foreste nel nostro Paese”. Arriva anche per il bosco di Asiago la certificazione Forest Stewardship Council (FSC) che dal 1993, come evidenziato in nota stampa dal Direttore di FSC Italia Diego Florian, testimonia la gestione responsabile delle piantagioni e delle foreste.

Il piano decennale di riassetto

Nel marzo di quest’anno è arrivata per il bosco di Asiago la certificazione FSC grazie al rispetto di alti standard ambientali, sociali ed economici. L’area boschiva è stata gestita secondo un “piano di riassetto” (2011-2021) che punta a coinvolgere le popolazioni locali, a produrre legname di qualità e a valorizzare i prodotti forestali non legnosi. In particolare, il piano decennale, con la collaborazione di esperti locali e la somministrazione di questionari alla popolazione, ha individuato le aree ad alto valore di conservazione e le zone destinate a scopi produttivi: principalmente legno di qualità di abete rosso, abete bianco e larice – usato prevalentemente come legname da opera – e legna da ardere di faggio, come prodotto secondario o di scarto. “La certificazione FSC è il risultato di un percorso condiviso, che interessa tutti gli asiaghesi; questo progetto parte da un concetto storico che ha un unico filo conduttore, ovvero che la comunità è custode del proprio patrimonio”, ha dichiarato in nota il Sindaco di Asiago, Roberto Rigoni Stern.

La ricchezza del bosco di Asiago

Collocato in provincia di Vicenza, al confine con il Trentino Alto Adige, il bosco di Asiago copre un’estensione di circa 6 mila ettari ed è una culla della biodiversità: oltre alle numerose specie animali che vi trovano riparo, a quote più basse si trovano sia il bosco misto di faggio, abete rosso e bianco sia il bosco puro di abete rosso; mentre, a quote più alte, crescono il lariceto e il mugheto. Una struttura unica ricreata dal ripopolamento promosso dopo la prima guerra mondiale.

I boschi italiani certificati FSC

Il bosco di Asiago è il secondo veneto certificato FSC: solo due mesi prima, anche i 320 ettari di bosco dell’Associazione Forestale di Pianura, che interessa le pinete di Eraclea Mare e Porto Santa Margherita e il più grande bosco planiziale del Veneto, ha ottenuto la medesima certificazione. In Italia, complessivamente, sono stati certificati 52.245 ettari.

Inoltre, sempre in Italia, il settore della carta (produzione e commercio) e stampa editoria coprono il 60% delle certificazioni Catena di Custodia, che garantisce la rintracciabilità dei materiali provenienti da foreste certificate FSC, seguite dal settore degli arredi (per interni ed esterni) e dai componenti per mobili, 14% del totale.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.