L’ondata di calore che si sta verificando su scala globale sta alterando il ritmo delle stagioni, sta accelerando il processo di scioglimento dei ghiacciai e il proliferare di incendi, sta provocando lo sbiancamento dei coralli e sta danneggiando i raccolti. Di questa situazione fanno le spese anche i viticoltori. Quelli tedeschi in particolare, spiega un articolo della Reuters, a causa di queste temperature elevate hanno anticipato la vendemmia.

2 settimane in anticipo

In particolare, come si legge sulla Reuters, un viticoltore di un vigneto a Loerzweiler, vicino Francoforte ha raccontato all’agenzia di stampa di aver anticipato la raccolta di 2 settimane.  

A maggio grandine

Tuttavia il caldo elevato che ha fatto anticipare la vendemmia di due settimane non è l’unico esempio di come gli eventi meteorologici estremi stiano influenzando la viticoltura. Lo scorso maggio una serie di forti grandinate ha distrutto migliaia di ettari di vigne nelle regioni vinicole di Bordeaux e Cognac nel sud-ovest della Francia.

Print Friendly, PDF & Email