A+ A A-

Economia circolare: la vernice bio metallica dagli scarti del pomodoro

Un inizio dei lavori curioso e pieno di fascino per Angela Montanari, Responsabile Dipartimento imballaggi della Stazione Sperimentale per l'Industria delle Conserve Alimentari (SSICA), fautrice di Biocopac Plus, la tecnologia che consente di produrre una vernice bio metallica per l'industria degli imballaggi dagli scarti di pomodoro.

Cercando gli atti di un convegno del 1942 ho scoperto un articolo dell'epoca realizzato da un collega che portava avanti una ricerca sugli scarti del pomodoro per produrre vernice”, ci spiega la Montanari. Negli anni della guerra il mondo scientifico usava le risorse che riusciva a reperire: “Sono riuscita a rintracciare il suo brevetto e sono ripartita da lì: usando tecniche analitiche diverse e più avanzate che prevedono un nuovo metodo di estrazione della cutina dalle bucce del pomodoro”. Altra differenza rispetto al passato l’utilizzo di “scarti dell'industria del pomodori, attualmente non valorizzati e adoperati per l’alimentazione animale o la produzione di biogas”.

Il lavoro è stato lungo. Prima di Biocopac Plus c'è stato un progetto condotto dal 2012 al 2014 e finanziato dal VII programma quadro con 800.000 euro “durante il quale siamo riusciti a brevettare di metodo di estrazione e di produzione della vernice”. Nel 2014 “abbiamo vinto un secondo bando per un valore di 1 mln di euro per lo scale up del progetto che prevede la messa a punto della tecnica e la realizzazione dell'impianto pilota”, prosegue la Montanari. Questa seconda fase, Biocopac Plus appunto, terminerà nel 2017 e vi farà seguito un partenariato sviluppato in seno ad Horizon2020 che prevede un finanziamento da 12 mln di euro per la realizzazione di un impianto di bioraffineria alimentato con scarti agricoli – cereali, patate, olive ad esempio – e replicabile in Spagna.

La bio vernice metallica, premiata dal concorso "Idee innvoative e tecnologie per l'Agribusiness", promosso da UNIDO ITPO Italy, Seeds&Chips e CNR, può essere usata negli imballaggi metallici, ad esempio nelle lattine: “Molte di quelle in commercio, che internamente sono bianche o dorate, sfruttano una vernice di origine petrolchimica contenente resina epossidica con bisfenolo A. In Francia l’uso di questi imballaggi è proibito”, commenta la Montanari.

Partner del progetto la SALCHI MetalCoat, che si occupa di produrre vernici per imballaggi alimentari, e la Cft SpA di Parma che ha disegnato e realizzato l'impianto pilota presso l’azienda agricola CHIESA: “L’impianto ha una capacità produttiva di 100 kg/ora. Stiamo facendo delle prove per ridurre il consumo d'acqua: al momento usiamo 10.000 l d'acqua per 5.000 kg di bucce e vorremmo calare del 30%. La fase più critica è quella della separazione delle bucce dai semi negli scarti”. Inoltre, "abbiamo condotto un’analisi ambientale e calcolato che per ogni scatola prodotta si evita di rilasciare in atmosfera 100 mg di anidride carbonica rispetto alle metodologie tradizionali. Cifra importante se si tiene conto che una grande azienda di conserve alimentari supera le 100 mln di scatole l’anno”.

Guardando al futuro “spero saremo presto sul mercato, l’industria ha già palesato il suo interesse”, augura la Montanari, con un occhio puntato sulle nuove opportunità: “Abbiamo provato ad applicare la vernice su carta stagnola e alluminio e si è comportata bene”.

Articoli correlati Spreco alimentare, per aumentare la conservazione del cibo arriva Demetra

Agricool il trend che fa bene all'ambiente e all'economia

Rubriche

Ecco il primo cellulare senza batteria

THINK TECH - Redazione, 24-07-2017

Ecco il primo cellulare senza batteria

Un telefono cellulare che, per funzionare, non ha bisogno di nessuna batteria, e che permette di effettuare e ricevere chiamate consumando solo pochi microwatt di potenza assorbita dall’aria circostante...

A Milano nel 2018 il primo asilo ecosostenibile

ARCHITETTURA_2.0 - Redazione, 21-07-2017

A Milano nel 2018 il primo asilo ecosostenibile

Baby life sarà il primo asilo nido pubblico ed ecosostenibile di Milano. Il progetto è dello studio P’arc Nouveau, con il contributo delle aziende Euroambiente e Peverelli, vincitore...

Bosco verticale: la nuova meta del turismo sostenibile

ARCHITETTURA_2.0 - Redazione, 21-07-2017

Bosco verticale: la nuova meta del turismo sostenibile

I boschi verticali delle città industrializzate diventano le mete predilette dai turisti attenti all’ambiente. Sono i polmoni verdi della città, edifici ricoperti di arbusti e piante abitualmente collocati...

Una bici aspira smog

THINK TECH - Redazione, 20-07-2017

Una bici aspira smog

Una bicicletta in grado di assorbire l’aria inquinata e reimmetterla pulita in atmosfera nella zona circostante a quella in cui si muove il ciclista. E’ l’innovativo...

Logistica più sostenibile (anche) grazie all'eco-camionista

SMART CITY - Redazione, 19-07-2017

Logistica più sostenibile (anche) grazie all'eco-camionista

Quali caratteristiche distinguono l'eco-camionista? Una guida sicura e tranquilla e il rispetto delle distanze di sicurezza e dei limiti di velocità, in modo da evitare brusche frenate o...

Digitalizzazione e consumo "smart": il comparto degli elettrodomestici si muove verso l'economia circolare

CONSUMER - Ivonne Carpinelli, 19-07-2017

Digitalizzazione e consumo "smart": il comparto degli elettrodomestici si muove verso l'economia circolare

Una rinnovata primavera A viverla oggi il comparto dei produttori di piccoli e grandi elettrodomestici, tra i protagonisti del manifatturiero italiano. “Ceced Italia riunisce 103 aziende, circa il...

Gli europei vorrebbero case green... e anche la possibilità di investirci

CONSUMER - Redazione, 18-07-2017

Gli europei vorrebbero case green... e anche la possibilità di investirci

Cosa fareste se avesse modo di investire risorse economiche nella vostra abitazione? Il 37% degli italiani vorrebbe investire in soluzioni energetiche più sostenibili ed efficienti nelle proprie...

Una tazzina da caffè biodegradabile e commestibile: ecco l’invenzione di una start up che vuole…

CONSUMER - Redazione, 18-07-2017

Una tazzina da caffè biodegradabile e commestibile: ecco l’invenzione di una start up che vuole cambiare il mondo

Croccante, buonissima e 100% ecologica: la tazzina di wafer che salverà il pianeta

Cupffee è una tazzina da caffè rivoluzionaria, inventata da una giovane start...

T-Pod, il camion elettrico a guida autonoma

THINK TECH - Redazione, 18-07-2017

T-Pod, il camion elettrico a guida autonoma

Si chiama T-Pod ed è il camion 100% elettrico e a guida autonoma della start-up svedese Einride che ha realizzato già il primo prototipo del veicolo. L’azienda, come...

Bioedilizia, se la casa e lo stadio sono in legno

ARCHITETTURA_2.0 - Redazione, 17-07-2017

Bioedilizia, se la casa e lo stadio sono in legno

Le case di legno costituiscono un comparto ad alto potenziale nella lotta agli effetti del cambiamento climatico. Un trend che si inserisce in un quadro globale di...

Consulta la versione precedente del sito di

Gruppo Italia Energia © 2013 | Via Valadier 39, Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy