Grenoble

La città francese di Grenoble, con i suoi chilometri di piste ciclabili, la creazione di una zona a traffico limitato nel centro cittadino e una a basse emissioni, celebra l’investitura a Capitale verde europea 2022. Un riconoscimento che premia le misure esemplari messe in atto per la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile locale.

Grenoble, pioniera della transizione sostenibile

Già nel 2005 la città ha adottato un piano climatico locale: secondo l’osservatorio Atmo Auvergne-Rhône-Alpes, questa iniziativa avrebbe ridotto del 30% le emissioni di gas serra tra il 2005 e il 2018. Nel 2019 Greenpeace le ha inoltre assegnato il secondo posto nella lotta all’inquinamento atmosferico, dopo Parigi.

Riconoscimento per le misure esemplari

Grenoble, che succede così alla città finlandese di Lahti, si è guadagnata il titolo di Capitale ecologica grazie al suo impegno costante “a diventare una città più sana per i suoi cittadini”, ha affermato in una nota stampa il Commissario europeo per l’Ambiente, Virginijus Sinkevicius.

Durante tutto l’anno saranno organizzati circa 300 appuntamenti basati sulla partecipazione cittadina, sulla cultura e sulla scienza, verranno piantati 1.300 alberi e saranno finanziati 52 progetti, come la realizzazione di giardini didattici e l’organizzazione di cantieri partecipativi per i giovani.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.