Al via la “stagione degli incendi” tra Siberia, Canada e Artico

I primi dati del Copernicus atmosphere monitoring service sul fenomeno

359

Copernicus Atmosphere Monitoring Service rileva i primi incendi in Siberia e Canada che segnano l’inizio della stagione degli incendi boreali. Mark Parrington, senior scientist e wildfire expert di Ecmwf del centro studi, spiega gli obiettivi della ricerca: “E’ ancora presto per stimare l’impatto e l’estensione della stagione boreale e degli incendi nell’Artico nella regione Subartica di quest’anno. Mentre non è raro vedere incendi durante la primavera ad alte latitudini, è difficile prevedere cosa possiamo aspettarci durante l’estate. Monitoreremo da vicino l’area per vedere se avremo un’altra stagione da record. I dati del Global fire assimilation system mostrano che tipicamente gli incendi nel Circolo Polare Artico si verificano a luglio e agosto. Continueremo a monitorare l’attività degli incendi in quella regione e in tutto il mondo, così come l’intensità degli incendi e il conseguente fumo che questi emettono”.

Mentre nei territori con vegetazione estesa il fuoco arricchisce il suolo, elimina la vegetazione morta e distribuisce i semi, gli incendi nell’Artico creano danni importanti all’ecosistema globale, perché un terreno torboso in fiamme, rilascia l’anidride carbonica che era stata bloccata nel sottosuolo per migliaia di anni. Molti incendi del 2020 sono divampati in terreni torbosi ma anche intorno a terreni perennemente gelati con un’alta concentrazione di ghiaccio.

La stagione degli incendi tra regione boreale e Canada

Cams sta studiando gli incendi nel mondo e valuta le emissioni che essi causano con il Global fire assimilation system (Gfas), utilizzando informazioni dai satelliti e dati in loco. La stagione degli incendi boreali inizia di solito a maggio e termina a ottobre. I picchi di attività si registrano tra luglio e agosto. Negli ultimi anni si è registrato un aumento degli incendi nel Circolo Polare Artico, in particolare nella Russia asiatica. I dati di Cams mostrano chiaramente una crescita importante nel numero di incendi nel 2019 e nel 2020 se comparato al dataset datato 2003, portando così a un nuovo record di emissioni annue di CO2 nel 2020 nel Circolo Polare Artico244 milioni di tonnellate, rispetto  alle 181 del 2019.

Anche in Manitoba e Ontario, a metà maggio e in Canada centrale il 16 e il 24 maggio sono iniziati a scoppiare grandi incendi che hanno prodotto pennacchi di fumo molto densi. Si tratta di Potenza radiativa di fuoco (Frp) molto superiore alla media del periodo 2003-2020. La stima di emissioni è pari a 0.88 megaton di anidride carbonica nell’atmosfera. la diffusione dei pennacchi di fumo è avanzata per centinaia di miglia sull’Oceano Atlantico.

Schermata 2021 05 26 Alle 12.24.21

A sinistra: potenza radiativa del fuoco giornaliera totale tra il 1° maggio e il 24 maggio 2021 in
(rosso) e la media giornaliera tra il 2003-2020 (in grigio) in tutto il Canada. A destra: Stima delle
emissioni di carbonio tra il 1° maggio e il 24 maggio 2021 per il Canada rispetto al mese di maggio
agli anni precedenti (2003-2020). Credito: Copernicus atmosphere monitoring service/Ecmwf

La Siberia occidentale tra le zone più colpite

Le regioni intorno ad Omsk e Tyumen nella Siberia occidentale sono state particolarmente colpite dalla metà di aprile, mentre altri grandi incendi sono divampati nel Canada centrale a Manitoba e Ontario nella metà di maggio.

I dati distribuiti da Cams indicano che nel periodo dal aprile al 24 maggio, il numero degli incendi e le emissioni nocive totali stimate per Omnsk e Tyumen nella Siberia occidentale, sono stati ben al di sopra della media degli anni precedenti nel periodo 2003-2020.

Schermata 2021 05 26 Alle 12.19.46

Potenza Radiativa del Fuoco totale giornaliera tra il 1° aprile e il 24 maggio 2021 (in rosso) e la
media giornaliera tra il 2003-2020 (in grigio) per la Siberia occidentale (a sinistra) e il distretto
federale dell’Estremo Oriente (a destra).
Credito: Copernicus atmosphere monitoring service/Ecmwf

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Domenico M Calcioli
Pubblicista dal 2007, scrive per il Gruppo Italia Energia.