Il Governo si è mosso con la massima determinazione per eliminare i vincoli burocratici che limitano l’espansione delle rinnovabili”. Questi impianti sono “l’unica strada per affrancarci dalle importazioni di combustibili fossili e per raggiungere un modello di crescita davvero sostenibile. Il Governo continuerà in ogni sforzo per rendere questi investimenti più rapidi e per distruggere le barriere burocratiche che impediscono gli investimenti”.

È quanto spiegato ieri al Senato e alla Camera dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, che ha reso un’informativa urgente sugli ulteriori sviluppi del conflitto tra Russia e Ucraina (qui il discorso completo).

Le stime del Governo indicano che potremo renderci indipendenti dal gas russo nel secondo semestre del 2024. I primi effetti di questo processo si vedranno già a fine 2022”, ha aggiunto Draghi. “Durante la mia visita a Washington ho condiviso con il Presidente Biden la strategia energetica italiana. Ci siamo detti d’accordo sull’importanza di preservare gli obiettivi sul clima; un impegno che l’Italia intende mantenere”.

Camera dei deputati

Sempre ieri l’aula di Palazzo Montecitorio ha approvato definitivamente il Ddl n. 3609 di conversione in legge del DL 21 marzo 2022, n. 21, recante misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina, che prevede diversi interventi in materia di energia, carburanti e ambiente.

Parallelamente, è stato segnalato ieri alla Camera l’arrivo del Ddl n. 3614 di conversione in legge del DL 17 maggio 2022, n. 50, recante “misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina” (noto come “decreto aiuti”).

Per chiudere sull’aula di Montecitorio, ieri anche lo svolgimento dell’interrogazione n. 3-02968 circa “l’attivazione di un nuovo portale per l’accesso agli incentivi finalizzati al sostegno e allo sviluppo delle attività imprenditoriali, in particolare sotto il profilo dell’efficientamento energetico” (qui i testi).

In commissione Finanze il sottosegretario al Mef, Federico Freni, ha risposto ieri alle interrogazioni n. 5-08012 e 5-08102 sull’applicazione del superbonus (qui tutti i testi).

Da segnalare, inoltre, che la stessa commissione ha deliberato lo svolgimento di un’indagine conoscitiva sulla disciplina fiscale della cessione del credito d’imposta e dello sconto in fattura, con particolare riferimento al rapporto con le banche e il sistema finanziario (il programma dei lavori approvato).

Sempre ieri sono state svolte interrogazioni anche in commissione Ambiente. La sottosegretaria al Mite Vannia Gava, in particolare, ha risposto alle n. 5-08108, sulla realizzazione di una centrale di teleriscaldamento a Lodi, 5-08105 e 5-08110, in tema di siccità (i testi).

La rappresentante del dicastero ha sottolineato che “l’attenzione del Governo si sta concentrando anche nel potenziamento del Comitato di coordinamento nazionale degli osservatori” sulle risorse idriche. Inoltre, “recentemente è stato istituito presso il Mite un tavolo politico-istituzionale, alla presenza di tutte le Autorità di bacino, al fine di raccogliere proposte di intervento a livello nazionale” sulla siccità.

Infine, martedì le commissioni riunite Esteri e Attività produttive hanno ascoltato il direttore “public affairs” di Eni, Lapo Pistelli, nell’ambito della discussione congiunta di risoluzioni sulla partecipazione dell’Italia al progetto per la realizzazione del gasdotto EastMed.

Senato della Repubblica

Nel corso di questa settimana le commissioni riunite I e VI hanno portato avanti l’esame del Ddl n. 2598 di conversione in legge del DL 30 aprile 2022, n. 36, recante ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Pnrr. Mercoledì, in particolare, sono state svolte audizioni con i rappresentanti di Wwf, Legambiente, Ispra e Comieco.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore della rivista CH4 edita da Gruppo Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.