Pisa presenta la nuova comunicazione ambientale

502

Riciclo 300x300Lo scorso 22 marzo a Pisa Toscana circolare, la piattaforma creata nel 2015 dai comunicatori delle aziende dell’economia circolare toscana, ha presentato il progetto di comunicazione destinato a tutta la Regione.

Il progetto

Il programma avrà come volto quello dell’attore e comico toscano Jonathan Canini. A presentarlo nell’Aula magna della scuola superiore Sant’Anna il Coordinatore scientifico master in Gestione e controllo dell’ambiente Paolo Ghezzi. Presenti anche il presidente di Confservizi Cispel Toscana Nicola Perini, il presidente di Revet Nicola Ciolini, il responsabile comunicazione Corepla (Consorzio nazionale imballaggi plastica) Valentina Meschiari.

Partecipano l’evento anche gli amministratori di tutte le aziende aderenti a Toscana circolare. La nuova campagna di comunicazione mira ad intercettare un’utenza giovanile attraverso video divertenti dedicati alle principali frazioni di raccolta.

Sottolineando le curiosità del settore e stimolando l’attenzione sulla seconda vita dei rifiuti. In particolare, è stata realizzata dal gruppo di lavoro toscano in collaborazione con i Consorzi nazionali di filiera facenti parte del sistema Conai. Quindi: Cial (alluminio), Comieco (carta e cartone), Corepla (plastiche), Coreve (vetro) e Ricrea (acciaio).

Obiettivo di Toscana circolare è quello di coprire con i propri servizi la quasi totalità della popolazione regionale. Così da continuare l’impegno del gruppo di lavoro nel realizzare campagne di comunicazione volte a migliorare la consapevolezza ambientale dei cittadini.

I temi specifici sono l’igiene ambientale, la quantità e qualità delle raccolte differenziate. Per poi renderle effettivamente riciclabili.

Il progetto, ideato e realizzato insieme al management di Canini, prevede la realizzazione di 20 episodi comici ed un serie di brevi pillole divertenti. Ove la riconoscibilità dei contesti e dei linguaggi e il taglio ironico abbiano l’approccio necessario per coinvolgere il pubblico.

La diffusione avverrà principalmente sui social network di Toscana circolare, delle aziende aderenti, dei Consorzi di filiera e dello stesso Canini. È prevista anche la diffusione sui tradizionali canali di comunicazione.

I responsabili spiegano i contenuti

Paolo Ghezzi commenta: “La Scuola Superiore Sant’Anna da oltre 20 anni forma professionisti esperti in temi di grande attualità e, sempre, anticipando i tempi.

Sono ormai alcuni anni che la circolarità è uno dei temi centrali della formazione di eccellenza della Scuola che ora traguarda i fondamentali orizzonti delle “transizioni”.

Nicola Perini conferma: “Il passaggio da Toscana ricicla a Toscana circolare è esemplificativo del salto di qualità anche a livello comunicativo delle aziende toscane di gestione del ciclo integrato dei rifiuti. Certificato anche dalla crescita del gruppo di lavoro che ha prodotto la campagna e dall’interesse della regione Toscana. Una comunicazione, quella del mondo dei rifiuti e del riciclo, che oggi è sempre più rivolta agli utenti del servizio”.

Nicola Ciolini sottolinea: “In una Toscana dove continuano a crescere le percentuali di raccolta differenziata, così come evidente anche dai dati per Ato Toscana costa dove si è raggiunto il 65,74%, è importante la corretta comunicazione ai cittadini. Protagonisti con i gestori e gli impianti del processo di transizione ecologica in atto.

Soltanto con il massimo coinvolgimento di tutti potremo traguardare gli obiettivi di riciclaggio indicati dall’UE”.

Giorgio Quagliuolo conclude: “Il sistema Consortile lavora costantemente per migliorare la quantità e qualità della raccolta differenziata nel nostro Paese con un obiettivo preciso. Evitare la dispersione dei rifiuti nell’ambiente e avviare a riciclo tutti gli imballaggi raccolti perché possano avere una seconda vita“.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.