Polietilene, non chiamatelo “rifiuto”

Uno scarto in plastica su tre lo contiene ma è un materiale riciclabile al 100%.

306
polietilene
Imballaggio in polietilene © Ingimage

Il 30 per cento della plastica rigida conferita alle isole ecologiche è costituito da beni in polietilene, un polimero atossico e completamente riciclabile. A rivelarlo è il consorzio Ecopolietilene, che si occupa della gestione di questa tipologia di rifiuti e del loro censimento.

Il Consorzio valuta una raccolta differenziata del polietilene

Dopo il monitoraggio nella zona di Cuneo e in provincia di Salerno, il progetto è sbarcato nella provincia di Treviso, in collaborazione con Contarina, Eco-Ricicli Veritas ed Ecolight Servizi. “Abbiamo voluto proseguire nelle attività di censimento con l’obiettivo non solo di individuare le quantità di beni in polietilene che finiscono nella raccolta della plastica, ma di studiare la possibilità di una raccolta differenziata di questa tipologia di rifiuto che ha un importante valore ambientale”, commenta il direttore generale di Ecopolietilene, Giancarlo Dezio.

Leggi anche: Il polietilene, la nuova eureka dei tessuti sostenibili

L’avvio a seconda vita è importante in un’ottica di economia circolare

In particolare, le analisi hanno riguardato tre tonnellate di rifiuti raccolti nel territorio servito da Contarina, ovvero nei 49 Comuni della provincia di Treviso aderenti al Bacino Priula. Gli scarti sono stati esaminati attraverso un processo di selezione per polimero con tecnologia ottica e meccanica: circa una tonnellata è risultata riconducibile alla famiglia dei beni in polietilene. “Una volta sottoposti a trattamento, li abbiamo inviati alle aziende che trasformano le materie plastiche e che usano la tecnologia di estrusione e stampaggio a iniezione. Hanno così avuto un nuovo ciclo di vita”, continua Dezio.

Dal momento che i beni in polietilene sono estremamente diffusi nelle nostre case, lo scopo del Consorzio è anche quello di sensibilizzare la popolazione sulle potenzialità di questi prodotti nella transizione a un’economia circolare.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.