plasticaÈ nata MyRechemical, la società dedicata alla valorizzazione chimica delle plastiche non riciclabili e ai processi “Waste to chemical”. L’impresa è interamente controllata da NextChem, a sua volta parte di Maire tecnimont. A guidarla sarà l’amministratore delegato Giacomo Rispoli, già responsabile del waste to chemical in NextChem, con esperienza pluridecennale nel settore dell’Oil&Gas e delle tecnologie per l’industria e la transizione energetica.

L’obiettivo di MyRechemical

L’obiettivo di MyRechemical è quello di offrire su scala industriale una piattaforma completa e integrata per il recupero di tutte le tipologie di rifiuti plastici. Pilastro della società è la conversione chimica del carbonio e dell’idrogeno contenuti nei rifiuti – plasmix, combustibile solido secondario e frazione secca – attraverso l’ossidazione parziale e la successiva purificazione. Un processo attraverso il quale si ottiene un gas di sintesi a basso contenuto carbonico che può essere convertito, con altri passaggi, in idrogeno, metanolo, etanolo e derivati. Tutti prodotti a più basso tenore di carbonio rispetto a quelli da fonti fossili, che fanno parte della categoria dei carburanti ad alta sostenibilità.

“Una piattaforma concreta per la riconversione dei siti industriali”

“Oggi tramite MyRechemical NextChem è in grado di proporre una piattaforma concreta e immediatamente cantierabile per la riconversione di siti industriali tradizionali mediante la chimica verde”, commenta soddisfatto in una nota stampa Pierroberto Folgiero, amministratore delegato di NextChem e del gruppo Maire tecnimont.

La disponibilità di rifiuti solidi urbani e plastiche non riciclabili è per Folgiero un “nuovo petrolio” da valorizzare “grazie alla nostra ingegneria nella chimica dei rifiuti”.

Quando usati in sostituzione di prodotti derivati da idrocarburi, i prodotti “circolari” consentono un abbattimento delle emissioni di CO2 e permettono di evitare le emissioni prodotte dall’incenerimento dei rifiuti.

Il processo è pensato non solo per la riconversione delle raffinerie di tutto il mondo, ma anche per la crescita delle energie rinnovabili e per il contenimento dell’aumento della temperatura del pianeta.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.