differenziata rifiuti
Foto di TIm S da Pixabayifuti

A partire dal 2022 in sei Comuni serviti dal consorzio Covar 14 il metodo di calcolo della bolletta dei rifiuti cambierà. Verrà introdotto il sistema di tariffazione puntuale (Ta.ri.p) grazie al contributo erogato dalla regione Piemonte. I municipi che devono prepararsi al cambiamento sono Bruino, Candiolo, Trofarello, Piobesi Torinese, Villastellone e Vinovo. Si pagherà per quanto realmente si butta.

Le finalità della nuova modalità di tariffazione

Il presidente Leonardo Di Crescenzo spiega: “Il consorzio di bacino Covar14 ha candidato il proprio progetto al bando di richiesta contributi per la gestione dei rifiuti urbani della Regione a dicembre 2020, il quale è risultato il primo dei due progetti finanziati a tema tariffa puntuale, con un contributo di 300.000,00 euro da parte della Regione. Grazie a questo supporto economico potremo avviare il nuovo sistema, a partire dai primi comuni che hanno dato disponibilità e allineandosi alle prassi ormai consolidate nelle più virtuose realtà italiane. Dalla più celebre esperienza di Contarina (TV) a quella di Capannori (LU), passando per Mantova, Parma, Siena, o i più vicini consorzi Chierese per i servizi e consorzio Cisa di Ciriè. L’obiettivo che ci siamo dati è rendere la bolletta dei rifiuti più commisurata ai comportamenti di ciascuna utenza, minimizzare i rifiuti che conferiamo al termovalorizzatore e massimizzare i rifiuti avviati a riciclo”.

Informazione ai cittadini

Per favorire la graduale introduzione del nuovo sistema, da settembre 2021 il personale incaricato nei sei Comuni coinvolti sta collegando a ciascun contenitore del rifiuto non indifferenziato un nuovo dispositivo, il Transponder Rfid Uhf. Nel contempo, completa l’aggiornamento del censimento delle attrezzature di ciascuna utenza.

Le utenze degli enti locali interessati sono informati con una lettera che spiega nel dettraglio questa prima fase operativa. Il consorzio Covar 14 invita i cittadini dei comuni coinvolti a collaborare per permettere l’espletamento di queste operazioni. Ciò sia rendendo disponibili tutti i contenitori al momento del passaggio del personale incaricato sia fornendo la lettera che riceveranno per mezzo posta per semplificare la verifica da parte dell’operatore della corretta associazione tra l’utenza e i propri contenitori.

L’operazione di censimento e abbinamento dei contenitori sarà infatti obbligatoria per tutte le utenze, i cittadini dovranno prestare attenzione a non confondere i propri contenitori con quelli di altre utenze.

Questa è la fase preparatoria all’avvio della tariffazione puntuale rifiuti. Nei prossimi mesi altre informazioni di maggiore dettaglio saranno pubblicate sul sito del consorzio.

Come cambia la tariffa rifiuti

Dal 2022 nei comuni interessati al progetto la parte variabile della tariffa rifiuti terrà conto del numero di svuotamenti e del volume del contenitore dei rifiuti non riciclabili in dotazione per ciascuna utenza, sia domestica (case singole e condomini) sia non domestica (negozi ed attività produttive). “L’obiettivo di questo cambiamento”, sottolineano dal Covar 14, “è ridurre la quantità di rifiuti inviati al termovalorizzatore, massimizzando il recupero dei riciclabili, ed introducendo una tariffazione più commisurata al comportamento di ciascuno”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Domenico M Calcioli
Pubblicista dal 2007, scrive per il Gruppo Italia Energia.