Top utility awards, la resilienza delle utility è motore del cambiamento

368

smart city top utility“Il settore dei servizi pubblici mostra, anche in questo momento di crisi, alcuni chiari segnali di trasformazione” è quanto spiega Alessandro Marangoni, ad di Althesys, a capo del team di ricerca della la nona edizione dello studio “Le performance delle utility italiane. Analisi delle 100 maggiori aziende dell’energia, dell’acqua, del gas e dei rifiuti”.

Tra le trasformazioni, la più importante è legata “all’impegno delle imprese verso gli obiettivi della sostenibilità, il secondo punta allo sviluppo delle infrastrutture e alla digitalizzazione che concorrono all’aumento della resilienza del sistema. In un quadro che è ancora disomogeneo, le utility italiane si confermano elemento portante del sistema economico e giocano un ruolo cruciale nel rilancio dell’Italia” sottolinea Marangoni.

Una chiave di lettura che trova concorda la presidentessa di Utilitalia Michaela Castelli: “Investimenti, sostenibilità e resilienza sono i tre assi portanti sui quali si sta muovendo il mondo delle utilities. Lo studio evidenzia come quanto più le imprese sono qualificate e orientate a un approccio industriale, tanto più crescono gli standard di qualità dei servizi offerti ai cittadini. Grazie a un importante piano di investimenti su cui le nostre aziende si sono già impegnate e con l’auspicabile sostegno del Recovery fund, il contributo delle utility alla ripresa del Paese in chiave sostenibile può diventare decisivo”.

I Top Utility awards 2021

Come ogni anno l’indagine di settore è poi la base su cui vengono assegnati i Top Utility Awards. Quest’anno a salire sul podio come migliore azienda di servizio pubblico nel nostro paese il gruppo Iren. Oltre al premio Top utility assoluto le aziende premiate per singola categoria sono: prima per Aws-sostenibilità è la pesarese Marche multiservizi; per la Comunicazione si è distinta la modenese Aimag; per Rse Ricerca e innovazione ha vinto il gruppo Cap; nella categoria Consumatori e territorio il riconoscimento è andato alla toscana Acque spa; nelle Performance operative la trevigiana Contarina; la categoria Diversity ha visto il gruppo Hera primeggiare; il ritorno della categoria sud ha visto sul gradino più alto del podio Gori, azienda campana del gruppo Acea.

Leggi anche: “Fanghi di depurazione, l’Italia deve potenziare il riutilizzo”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.