idrogeno Tes green hub
foto Pixabay

Mol Group, società ungherese integrata di petrolio, gas, petrolchimica e vendita al dettaglio, ha collaborato con Plug Power Inc., fornitore leader di soluzioni per l’idrogeno chiavi in mano, per costruire uno degli impianti di produzione di idrogeno verde di maggiore capacità in Europa, presso la raffineria Danube di Mal a Százhalombatta, in Ungheria.

L’idrogeno verde ridurrà l’impronta di carbonio della raffineria del Danubio e permetterà una mobilità senza emissioni nel lungo periodo.

L’impianto nel dettaglio

Utilizzando un’unità di elettrolisi da 10 MW di Plug Power, l’impianto da 22 milioni di euro di Mol sarà in grado di produrre circa 1.600 tonnellate di idrogeno verde all’anno, a zero emissioni di carbonio, eliminando fino a 25mila tonnellate di anidride carbonica e sostituendo il processo di produzione attualmente utilizzato, basato sul gas naturale.

Poiché questo processo rappresenta un sesto delle emissioni di anidride carbonica del Gruppo Mol, l’investimento supporta gli obiettivi di neutralità carbonica dell’azienda e contribuirà all’indipendenza energetica della regione.

Una volta operativo nel 2023, il Gruppo utilizzerà l’idrogeno verde nella sua raffineria del Danubio durante la produzione di carburante del proprio sistema a idrogeno. Sarà incorporato nelle molecole dei carburanti Mol, abbassando le emissioni di carbonio della tecnologia di produzione e del prodotto finale.

“Siamo convinti che l’idrogeno non sia solo uno dei più importanti vettori energetici della transizione energetica già in corso, ma sarà anche un fattore essenziale nel nuovo sistema energetico a zero emissioni di carbonio. Questa nuova tecnologia permette l’introduzione della produzione di idrogeno verde in Ungheria, a Százhalombatta, che rende Mol Group uno degli attori più importanti nell’economia energetica sostenibile della regione”, ha detto Gabriel Szabó, vicepresidente esecutivo di Downstream di Mol Group.

“L’idrogeno verde affronta due questioni critiche per l’umanità: il cambiamento climatico e l’indipendenza energetica”, ha detto Andy Marsh, ceo di Plug. “E le nostre opportunità sembrano illimitate per supportare la tendenza di portare l’idrogeno verde nei mercati industriali più tradizionali in tutto il mondo. Siamo lieti di fornire la nostra tecnologia all’avanguardia di elettrolizzatori alla raffineria del Danubio di Mol Group e di permettergli di fare un grande passo avanti nell’affrontare questi problemi per la regione”.

I vantaggi dell’idrogeno verde

La produzione di idrogeno verde non genera alcuna emissione di gas serra. L’attrezzatura Plug utilizza l‘elettricità da una fonte rinnovabile per scindere l’acqua in ossigeno e idrogeno gassoso attraverso il processo dell’elettrolisi. Questo processo non produce alcun sottoprodotto che danneggi l’ambiente. Producendo una tonnellata di idrogeno, l’impianto produce anche otto-nove tonnellate di ossigeno puro, risparmiando quasi 10mila tonnellate di consumo di gas naturale nel processo.

Gli elettrolizzatori di Plug, con quasi 50 anni di esperienza operativa in applicazioni che richiedono alta affidabilità, sono generatori di idrogeno modulari e scalabili, ottimizzati per la produzione di idrogeno pulito. L’azienda sta rendendo semplice l’adozione dell’idrogeno verde per le aziende pronte a migliorare sia l’efficienza che la sostenibilità delle loro operazioni. La rete indipendente di produzione di idrogeno verde di Plug punta a 70 Tpd entro la fine del 2022. Inoltre, è sulla buona strada per avere 500 Tpd di generazione di idrogeno verde in Nord America entro il 2025 e 1.000 Tpd su base globale entro il 2028.

La produzione di idrogeno verde è parte integrante della strategia aggiornata “Shape Tomorrow” di Mol, che si concentra sulla sostenibilità ed è completamente armonizzata con il Green Deal europeo. Nel quadro della sua strategia, entro il 2025 l’azienda farà un investimento totale di 1 miliardo di euro in economia circolare e a basse emissioni di carbonio.

Mol ridurrà l’impronta di carbonio delle sue operazioni del 30% entro il 2030 e spenderà il 50% degli investimenti in progetti sostenibili. Entro il 2050, il Gruppo mira a realizzare un’operazione a zero emissioni di carbonio.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.