Comunità energetiche sempre più vicine. Girotto anticipa gli emendamenti per il Ddl di delegazione UE

L'intervento nel corso della presentazione del Rapporto Legambiente sulle comunità rinnovabili

309

comunità energetiche girottoCambia nome lo storico rapporto di Legambiente sui Comuni rinnovabili che, in vista della nuova normativa in arrivo, segue i tempi e acquisisce il termine di “comunità”.

Al centro della giornata di presentazione dei risultati il tema delle comunità rinnovabili e delle ultime necessità da affinare per renderle fruibili come flessibilità e semplificazione, illustrate dall’avv. Emilio di Sani di Italia solare.

Richieste di flessibilità e semplificazione a cui risponde il sen. Gianni Girotto, presidente della commissione Industria del Senato, tra i maggiori sostenitori della tecnologia delle comunità energetiche, che ha illustrato i diversi emendamenti che sta portando avanti sul tema.

“Un cambio di passo che richiede anche un cambio culturale nel cittadino che può diventare protagonista”. Cercheremo di definire un quadro che sia il più semplice possibile e che renda facile definire questo passaggio. Nonostante il rallentamento da Covid-19 per la definizione delle norme che ora “sono quasi pronte sono settimane che stiamo spingendo” sottolinea Girotto.

“Abbiamo prodotto nel decreto Rilancio degli emendamenti espliciti per chiarire che, se un condominio costruisce un impianto FV agevolato al 110%, possa comunque essere oggetto di comunità energetica. In questo caso prenderà la parte dell’incentivo Arera quindi gli oneri non applicati”. Altro tema è la specifica che la comunità energetica non sia un oggetto commerciale, “Non ha uno scopo commerciale, con tutte le conseguenze del caso” spiega Girotto che conferma come si sia al lavoro con l’Agenzia delle entrate.

Rispetto al DL semplificazioneposso confermare che ci stiamo lavorando e che tutta la commissione industria ambiente sta mettendo a punto un pacchetto di emendamenti sul tema energia e semplificazione burocratica. In pratica azioni che vadano a snellire, semplificare e migliorare le pratiche di nuovi impianti e anche revamping o reblanding nel caso dei vecchi impianti”. Si tratta di un “emendamento pronto a breve” rassicura Girotto che integrerà queste richieste in materia energia.

Altro tassello del lavoro di divulgazione delle comunità energetiche, come sottolinea Girotto è la legge di delegazione europea. “Anche in questo caso le istanze che gli stakeholders rappresentano” rassicura il Senatore “le vedrete nero su bianco tra pochissimi giorni” e anticipa il senatore riguardano: definire aree idonee a impianti di rinnovabili, procedure semplificate su accumuli di energia, modalità semplificata per i comuni al fine di promuovere le comunità energetiche da rinnovabili, acceso paritario e non discriminatorio, superamento del prezzo unico nazionale, semplificazione di accesso per meccanismi di dispacciamento, contratti di energia  a prezzo dinamico, ricerca e innovazione  e possibilità di generare crediti di generazione al consumo anche all’atto di servizi di ricarica di veicoli elettrici.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.