Gli Elio e le Storie Tese hanno composto una canzone per Comieco per diffondere tra i cittadini le regole di una corretta raccolta differenziata di carta e cartone. Il brano si intitola “Vecchio cartone” e si caratterizza per il  linguaggio ironico, ormai diventato il marchio distintivo del gruppo.

Una canzone per promuovere il riciclo di carta e cartone

A rimarcare le potenzialità della musica nel diffondere buone pratiche di riciclo è anche studio svolto a novembre da AstraRicerche per Comieco, Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica. Dai dati emerge inoltre come 4 intervistati su 10 nutrono dubbi su cosa sia possibile conferire e cosa no nei contenitori per la carta: il 45,4% si definisce tuttora confuso e il 44% si considera bravo ma insicuro.

Carta e cartone, nel 2019 la raccolta differenziata ha raggiunto quota 3,5 mln di ton

Gli Italiani, nel complesso, sono un popolo virtuoso: nel 2019 la raccolta differenziata di carta e cartone ha raggiunto i 3,5 milioni di tonnellate e l’81% degli imballaggi a base cellulosica è stato avviato a riciclo” , commenta in una nota Amelio Cecchini, presidente di Comieco.I risultati dell’indagine di AstraRicerche confermano tuttavia che i margini di miglioramento sono ancora molto ampi. Soprattutto sul fronte della qualità di quanto si raccoglie. Inoltre, se da una parte è importante che nella carta non finiscano materiali estranei (ad esempio lo scontrino) dall’altra è altrettanto importante che tutti i materiali cellulosici riciclabili possano avere una seconda possibilità”, aggiunge.

La metà del campione ricorre all’indifferenziato in caso di dubbi

Da report emerge inoltre come più di 1 Italiano su 2, infatti, dichiara di ricorrere al bidone dell’indifferenziata in caso di dubbi. E come quasi il 60% degli intervistati non butta nella carta confezioni di uso quotidiano (come la scatola del dentifricio, ad esempio) che invece sono un ingrediente prezioso per l’industria del riciclo.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.