Le iniziative di Natale
foto Pixabay

Just Eat, leader nel mercato della consegna di cibo a domicilio, con Ristorante Solidale, progetto nato in collaborazione con Caritas per ridurre lo spreco alimentare, distribuisce le eccedenze dei ristoranti alle persone in stato di bisogno.

Nella settimana di Natale 15 ristoranti partner di Just Eat aderenti al progetto, nelle città di Roma, Milano, Torino e Napoli, doneranno dei piatti caldi ai più bisognosi, a favore di 400 persone in difficoltà.

L’iniziativa Ristorante Solidale

Il progetto Ristorante Solidale nasce nel 2017 e mette in relazione i ristoranti con le persone indigenti, unendo food delivery e solidarietà, con l’obiettivo di combattere la povertà alimentare e permettendo ai ristoranti di non sprecare del cibo.

“Anche quest’anno rafforziamo il nostro impegno a supporto delle comunità più bisognose, aiutando le persone e le famiglie in difficoltà in un periodo in cui purtroppo la povertà alimentare è cresciuta e, di conseguenza, anche le fasce più deboli sono aumentate. Da quasi più di cinque anni a Natale coinvolgiamo i consumatori per donare pasti sospesi, quest’anno ci impegniamo noi direttamente con Ristorante Solidale, grazie alla collaborazione dei nostri ristoranti partner, per consegnare alle Caritas locali pasti solidali”, ha dichiarato in una nota stampa Daniele Contini, country manager di Just Eat Italia.

L’iniziativa fa parte del percorso aziendale di impegno nella sostenibilità e responsabilità sociale che si muove in tre direzioni principali: lotta allo spreco alimentare, riduzione dell’inquinamento atmosferico e impegno a creare un ambiente inclusivo ed equo per i propri dipendenti e nelle comunità in cui opera.

Un regalo sostenibile che può salvare l’Amazzonia

LetItTrees è un progetto che nasce dall’idea di poter regalare la salvaguardia dell’Amazzonia. Sulla piattaforma infatti, si possono adottare metri quadrati di foresta a soli nove euro.
Obiettivo è invertire il modello di business diffuso in quei territori, ovvero la deforestazione.

Tutela e conservazione devono coinvolgere le popolazioni Indios locali e invertire il disastro ecologico che da decenni va avanti.
LetItTrees ha ottenuto in concessione 102.780 ettari di territorio di foresta amazzonica situata nel comune di Lagoa da Confusão. I fondi che provengono dalle adozioni vengono investiti nella promozione del progetto volto a tutelare più foresta vergine possibile e nel preservare dei progetti in quei territori. Ad esempio, alcuni fondi vengono impiegati nella dotazione di satelliti dedicati sia per il controllo delle aree, che per il controllo ambientale, altri ancora per ristrutturare la scuola dei bambini del villaggio di Txuode e per l’attività di educazione ambientale e formazione sull’agricoltura sostenibile alle famiglie di indios.

Come riciclare i pacchi di Natale

Applicare le regole per riciclare correttamente i pacchi di Natale non è sempre semplice. Con la campagna di Comieco “Ridere fa bene. Riciclare carta e cartone pure”, testimonial d’eccezione Giovanni Storti e Giacomo Poretti, sarà probabilmente più semplice. I loro sketch saranno finalizzati a mettere in evidenza delle accortezze che possono conferire al riciclo la giusta qualità.

Comieco ha publicato sul suo sito un quiz dal titolo “Che riciclatore sei?” che rivelerà a quale profilo di riciclatore si appartiene, sulla base delle abitudini sulla raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone.

Per aggiustare il tiro, qualora si risulti un riciclatore disattento, ecco le regole principali per fare una corretta differenziata di carta e cartone:

  • se lo scontrino è stampato su carta termica non va con la carta, perché può generare problemi nelle fasi del riciclo;
  • prima di conferire l’imballaggio in carta, si devono togliere nastri adesivi, graffette e altri punti metallici;
  • appiattire e comprimere gli imballaggi in carta e cartone per ridurne il volume, prima di conferirli nell’apposito contenitore;
  • i tovaglioli di carta sporchi di cibo non vanno con la carta ma devono essere conferiti nell’umido e la carta per alimenti non va nel contenitore di carta e cartone, a meno che non sia indicato sulla confezione.
  • se la carta che avvolge il regalo è di un giornale o carta da pacchi va nella carta. Non va con quest’ultima se si tratta di carta argentata o dorata.

In caso di dubbi, è bene consultare le disposizioni del proprio comune di residenza

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.