Un “piatto sospeso” per evitare lo spreco di cibo e aiutare chi ha più bisogno. Dal 2 al 15 dicembre chi risiede a Milano, Torino, Roma e Napoli ed effettua un ordine sull’applicazione Just Eat può aggiungere un piatto da destinare alle persone di comunità e case accoglienza selezionate da Caritas Ambrosiana, Caritas Diocesana Torino, Caritas di Roma e Caritas di Napoli.

Come si può ordinare un “piatto sospeso”

Si può scegliere tra riso, pasta, pollo, hamburger, panini e altre specialità del valore di 3, 4 o 5 euro. I piatti sospesi verranno poi raddoppiati da Just Eat e consegnati tra il 17 e il 20 dicembre, quest’ultima la Giornata internazionale della solidarietà umana. L’iniziativa è promossa da Ristorante Solidale, primo progetto di food delivery solidale, in collaborazione con Just Eat e con alcuni ristoranti aderenti.

L’iniziativa, partita a Milano nel 2016, si ispira a un’antica usanza napoletana che prevede di lasciare un caffè pagato al bar per uno sconosciuto che non può far fronte alla spesa. A conferma del bisogno di sensibilizzare ristoratori e consumatori sulla spreco di cibo arriva anche dai risultati dello studio “Le azioni sostenibili nella ristorazione” condotto lo scorso settembre da Just Eat insieme a LifeGate nell’ambito della ricerca annuale “Milano Sostenibile – 3° Osservatorio sullo stile di vita dei cittadini”.

Le azioni sostenibili nella ristorazione

L’indagine ha analizzato i comportamenti di un campione di 202 attività di ristorazione di diverso genere, attive a Milano, che nel 32% dei casi effettua servizi di consegna a domicilio, per la maggior parte hamburgherie e ristoranti stranieri. Da un lato è emersa l’attenzione crescente verso le cause alla base dello spreco, come gli errori compiuti nell’acquisto della spesa. Dall’altro sono state presentate buone pratiche nate per gestire il fenomeno tra cui, oltre la donazione ai bisognosi, anche la condivisione coi dipendenti dei cibi prossimi alla scadenza o la creazione di aperitivi con piatti creativi.

Diffusione di una cultura anti-spreco

Nel 2018 a Natale abbiamo consegnato oltre 700 pasti e contiamo quest’anno di fare altrettanto, aggiungendo con Napoli anche una nuova città”, commenta in una nota stampa Daniele Contini, country manager di Just Eat in Italia. “Rinnovare piatto sospeso rappresenta per noi una scelta con cui confermiamo l’impegno […] a diffondere una cultura anti-spreco e a supportare i meno fortunati”. 

I piatti sospesi raccolti saranno preparati dai seguenti ristoranti solidali aderenti all’iniziativa di Natale:

  • Milano: Kombu, Chickebot, Mama Burger, This is not a Sushi Bar, Tram Laboratorio Tramezzino veneziano, Let’s Wok, Genuino, Maoji Street Food, e Mao Hunan;
  • Torino: Kombu, Piadineria Cuslè, Rizzelli,T-Bone Station, Hamburgherie di Eataly, Curry & Co.Taco Bang, La Mangiatoja;
  • Roma: Sushi in the box, Burger King, Pani e Ripieni, Mi Garba La Pizza, Naturale, T-Bone Station, TBSP-The BBQ & Smoke Project, Tyler, Fello Bistrot, Metro Gourmet Attitude, Miss Pizza Centocelle, Food Delivery Ex Mercato;
  • Napoli: Pollo&Patate,Triclinium Gastronomia, Laura Bistrot, Pizza Loca, D’ausilio Macelleria Pub& Grill, Burger King, Hoop Bagel, Rosticceria Magia, Oca Nera, Kokore, O’ Sushi, I’m Pokè.
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.