Nonostante il confronto dei prezzi riguardante la tariffa dell’internet domestico sia il settore più diffuso tra quelli consultati sui comparatori di tariffe online, quando dalla semplice analisi dei prezzi si passa all’acquisto, i dati migliori sono invece registrati dal comparto luce e gas. In sostanza chi effettua una ricerca online per trovare prezzi più convenienti per queste bollette poi non si ferma alla semplice ricerca, ma sottoscrive in rete il nuovo contratto di energia. E’ quanto emerge dall’ultima indagine di SosTariffe.it.

Tra il 2017 e il 2018 picco di attivazioni

Dai dati emerge inoltre come nel periodo compreso tra il 2017 e il 2018 a registrare i numeri più alti nelle ricerche online sia stato il comparto assicurazioni (+ 70,41%).  Le tariffe luce e gas hanno visto invece un aumento di ricerche minimo pari al 24,62% che si è abbinato però a un picco di attivazioni di circa il 63,79% in più, a fronte di una sottoscrizione inferiore di contratti nel comparto assicurativo. Risultati meno positivi sono stati quelli del settore internet. “Si registra un netto calo di coloro che pur avendo individuato una tariffa conveniente di internet per casa poi passa a stipulare il contratto (-6, 35%)”, spiega una nota.

Chi cerca i prezzi poi acquista

Se per settori come le assicurazioni o l’internet domestico chi valuta le tariffe non passa poi all’acquisto dunque, ciò non succede per il comparto luce e gas. “Le ricerche sul comparatore di tariffe energia e gas, infatti, nel 2017 hanno portato all’attivazione nel 11,36% dei casi e nel 2018 nel 14,93% dei casi. Dunque il rapporto richieste/attivazioni rileva un incremento soprattutto per il settore energia e gas”, spiega una nota.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.