Pnrr l’agrivoltaico è finanziato solo nel rispetto della produzione agricola

Il commento di Luciano Cadeddu, esponente M5S in commissione Agricoltura e promotore della modifica normativa al Dl Semplificazioni e Governance al Pnrr

1057
rinnovabili agrivoltaicoL’agrivoltaico non prenderà il sopravvento sull’agricoltura ma ne sarà un elemento trainante. Lo assicura Luciano Cadeddu, esponente M5S in commissione Agricoltura e promotore della modifica normativa al Dl Semplificazioni e Governance al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). È quello che prevede un emendamento approvato al Dl Governance con cui vincoliamo gli incentivi statali, previsti sin dal 2011, a impianti agrivoltaici che adottino soluzioni integrative innovative con montaggio dei moduli elevati da terra, anche prevedendo la rotazione dei moduli stessi, e comunque in modo da non compromettere la continuità delle attività di coltivazione agricola e pastorale, anche consentendo l’applicazione di strumenti di agricoltura digitale e di precisione”. Lo dichiara il deputato 
L’agricoltura, dunque, farà la sua parte per la decarbonizzazione dell’Italia – aggiunge – ma senza abdicare al suo compito principale: fornire alimenti e cibo per animali e persone. Attraverso l’innovazione tecnologica, siamo certi che potremo raggiungere questo duplice obiettivo. Perciò, con un ordine del giorno a mia prima firma, abbiamo impegnato il Governo a redigere opportune linee guida per garantire la corretta installazione degli impianti agrovoltaici“.

Come si accede agli incentivi dell’agrivoltaico

Sono circa 1,1 milioni di euro, che dovranno contribuire a raggiungere 2 GW di potenza complessiva del comparto, messi in campo dal Pnrr. 
L’accesso agli incentivi per queste tipologie di impianti innovativi, infatti, – spiega Cadeddu – è subordinato alla contestuale realizzazione dei sistemi di monitoraggio che consentano di verificare l’impatto sulle colture, il risparmio idrico, la produttività agricola per le diverse tipologie di colture e la continuità delle attività agricole interessate. Qualora dalla verifica e dal controllo risulti la violazione delle condizioni, cessano i benefici fruiti”.
Queste risorse si aggiungono ai 1.500 milioni di euro messi in campo per il progetto del Parco Agrisolare desinato ad ammodernare le coperture delle strutture produttive aziendali e produrre 0,43 GW di energia rinnovabile.

 

Leggi anche: Transizione agro-ecologica: il Wwf lancia il rapporto per ripensare il sistema alimentare 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.