L’Italia si conferma leader nel biologico

La penisola italiana domina la classifica europea in termini di superficie agricola coltivata a biologico. Cresce l’uso di ingredienti bio nella ristorazione.

397
  • Con oltre due milioni di ettari di coltivazioni biologiche, l’Italia è leader in Europa nel settore.
  • I consumi di prodotti bio fuori casa sono cresciuti del 53%: quasi otto ristoranti su dieci ne fanno uso.
biologico, MIPAAF
Pomodori bio © Pixabay

L’Italia vanta oltre due milioni di ettari di superficie agricola coltivata a biologico, il 17,4 per cento del totale. Un risultato di cui andare fieri, considerando che la media europea è del 9 per cento e che l’obiettivo stabilito per il 2030 dalla strategia Farm to fork è pari al 25 per cento.

È uno dei dati dell’Osservatorio Sana, il salone internazionale del biologico che si è tenuto a Bologna dall’8 all’11 settembre. L’indagine, condotta da Nomisma, è promossa nell’ambito del programma comunitario Being Organic EU.

“Il nostro Paese continua a essere leader a livello europeo per superficie agricola coltivata a biologico e per numero di operatori che continuano ad aumentare. Per la prima volta si registra una leggera decrescita dei consumi domestici, in controtendenza rispetto a quelli della ristorazione commerciale e collettiva e all’export, che si confermano veri e propri driver di crescita per l’intero settore”, ha commentato Maria Grazia Mammuccini, presidente di FederBio.

Leggi anche: Con il progetto Advagromed, gli insetti entrano nella dieta delle galline

Si registra una leggera decrescita dei consumi domestici, mentre aumentano quelli nei ristoranti

Le vendite di biologico nel mercato italiano hanno raggiunto i cinque miliardi di euro, di cui quasi quattro miliardi rappresentati dai consumi domestici e oltre un miliardo dai consumi fuori casa. Mentre i primi hanno subito un calo dello 0,8 per cento, i consumi nei ristoranti sono saliti del 53 per cento rispetto all’anno precedente.

In base all’indagine di Nomisma, quasi otto ristoranti su dieci e sei bar su dieci utilizzano ingredienti biologici, soprattutto latte, ortofrutta, uova e farine. Inoltre, l’85 per cento dei ristoratori e più di sette baristi su dieci hanno affermato di proporre almeno un vino bio. Scelte che dipendono principalmente da motivi etici, dalla volontà di garantire una proposta innovativa o di soddisfare il crescente interesse della clientela.

Segnali positivi giungono, infine, anche dall’export che ha raggiunto i 3,4 miliardi di euro di vendite sui mercati internazionali, segnando un incremento del 16 per cento rispetto al 2021.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.