L’Italia continua a guardare all’Africa per l’energia

332

Reippp africaL’ultima rubrica prima delle vacanze vede Eni implementare la sua presenza in Africa

Eni continua le scoperte in Algeria

Eni e l’algerina Sonatrach annunciano oggi una ulteriore scoperta nella concessione di Sif Fatima II, situata nel bacino del Berkine Nord nel deserto algerino.

Il pozzo esplorativo Rhourde Oulad Djemaa Ouest-1 (Rodw-1), nel perimetro di ricerca Sif Fatima II, è il terzo pozzo della campagna di perforazione esplorativa.

Ha permesso la scoperta di petrolio e gas associato nelle arenarie del Triassico del giacimento del Tagi. Durante il test di produzione, il pozzo ha prodotto 1.300 barili/giorno di petrolio e circa 2 mmscfd di gas associato.

La scoperta Rodw-1 segue alla significativa scoperta di Hdle-1 nella concessione Zemlet el Arbi, dello scorso marzo, e al successo del pozzo di valutazione Hdls-1 nell’adiacente Sif Fatima II.

Lo sviluppo di queste scoperte avverrà in modalità fast-track, sfruttando la vicinanza alle strutture Brn/Rod esistenti.

Le concessioni di Zemlet el Arbi e Sif Fatima II sono operate da una associazione tra Eni (49%) e Sonatrach (51%).

Un altro pozzo in Africa, è il Baleine East 1X in Costa d’Avorio

Sempre in Africa Eni ha traforato con successo il pozzo Baleine East 1X. È il primo pozzo di esplorazione nel blocco CI-802 e la seconda scoperta sulla struttura Baleine, a largo della Costa d’Avorio.

La scoperta eccezionale ha permesso di aumentare del 25% i volumi di idrocarburi in posto del campo di Baleine. Adesso raggiungono la stima di 2,5 miliardi di barili di olio e 3,3 trilioni di piedi cubi (Tcf) di gas associato.

Baleine East 1X è stato perforato nel blocco CI-802, operato da Eni (90%), insieme al partner Petroci Holding (10%), utilizzando l’impianto per acque profonde Saipem 12000. Il pozzo ha raggiunto la profondità finale di 3.165 m, in una profondità d’acqua di circa 1.150 m.

Baleine East 1X si trova a circa 5 Km a est del pozzo di scoperta Baleine 1X, nel contiguo blocco Baleine CI-101. Rappresenta, inoltre, la prima scoperta commerciale nel blocco CI-802 confermando l’estensione del campo di Baleine.

Dopo una proficua campagna per l’acquisizione dati, il pozzo ha confermato la presenza di una colonna continua di circa 48 m di olio in rocce-serbatoio con buone proprietà. Una prova di produzione ha confermato un potenziale di almeno 12.000 barili di olio al giorno e 14 milioni di standard cubic feet al giorno di gas associato.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Pubblicista dal 2007, scrive per il Gruppo Italia Energia.