ricarica auto elettrica
Foto di (Joenomias) Menno de Jong da Pixabay

Pianificare nel dettaglio i propri viaggi per non avere amare sorprese è un’ottima consuetudine, ma le cose potrebbero complicarsi quando si tratta di dover rifornire il proprio veicolo elettrico, data la copertura ancora carente dell’infrastruttura di ricarica nel nostro Paese.

Per sopperire a questa esigenza, il portale Vaielettrico.it ha promosso la campagna “Green hospitality”, un’iniziativa aperta al pubblico, il quale potrà segnalare le strutture turistiche italiane, quali hotel, campeggi e ristoranti, provvisti di servizi di rifornimento per i veicoli elettrici dei propri clienti.

Coloro che vogliono aderire, potranno scrivere all’indirizzo info@vaielettrico.it, indicando le seguenti informazioni:

– Quantità e stato del punto di ricarica (accesso libero o riservato alla clientela);

– Tipologia (colonnina oppure wall-box) e livelli di potenza per effettuare la ricarica;

– Tariffa applicata per kWh; 

– Immagini che raffigurano il punto di ricarica durante l’utilizzo e la struttura turistica in cui è collocato. 

Successivamente, il portale Vaielettrico raccoglie le segnalazioni e le pubblica sul proprio sito,  realizzando un elenco per ogni regione, che può essere consultato dai lettori. 

In questo modo, si potrà avere una mappatura che agevoli i viaggiatori che hanno scelto l’auto o la moto elettrica per raggiungere la propria meta di vacanza. 

L’adesione è valida fino al 15 settembre, così si potranno raggruppare tutti i contributi e costruire la mappa della Green hospitality”. 

Secondo Motus-E, a maggio 2021 sono stati oltre 150 mila i veicoli elettrici e ibridi (Bev e Phev) circolanti in Italia, un anno fa erano poco più di 50.000.

Alcuni punti della mappa

Tra le prime strutture segnalate: l’Hotel Federico II di Jesi nelle Marche e l’agriturismo La Cascina Faletta a Casale Monferrato in Piemonte, entrambi dotati di una infrastruttura di ricarica con presa di tipo 2 (da 22 kW) e tipo 3A, ad accesso pubblico. 

In Toscana, a Montalcino, l’azienda agricola “Il Paradiso di Frassina” offre gratuitamente una wall-box per i propri clienti, con una potenza erogata di 11 kW. Sul Lago di Garda, invece, a Lazise, il Camping Spiaggia D’Oro propone due colonnine, ciascuna dotata di due prese da 22 kW di potenza (tipo 2). La ricarica è gratis per i clienti del campeggio, ma può essere utilizzata anche da parte di utenti esterni. 

A Rimini, l’UP Hotel sta installando una colonnina di ricarica (da 22 kW) con servizio a pagamento. Ma offre già ai propri ospiti mezzi come e-bike e monopattini, oltre alle tradizionali bici. 

In Sicilia, l’hotel Marina di Petrolo, a Castellammare del Golfo, dispone di quattro infrastrutture di ricarica, messe a disposizione dei clienti dell’hotel gratuitamente. Si tratta di un destination charger Tesla e Porsche, aperto anche a tutti i mezzi con presa di tipo 2

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.