E-Prix ricarica le batterie pronti per il premio di Roma

Tante iniziative e attività di svago previste nel villaggio anche nei giorni precedenti la manifestazione

228

Tecnologia, ricerca e centralità delle persona. Così Virginia Raggi sindaco di Roma ha sintetizzato i concetti alla base della Formula E, la competizione di auto da corsa elettriche che il 13 aprile si terrà nel circuito cittadino del quartiere Eur della Capitale.

“Lo scorso anno abbiamo avuto 30 mila visitatori (complessivi in tutta la manifestazione n.d.r.)” ha spiegato Alejandro Agag presidente e fondatore del E-prix “Quest’anno ce ne aspettiamo 5mila in più. Anche Roma lo scorso anno è andata tutta esaurita”.

Una manifestazione che dà sempre un lascito alla città che la ospita sia con la costruzione di nuove infrastrutture come le paline di ricarica e la manutenzione delle aree verdi che, ed è il caso di quest’anno, anche con l’implementazione di un sistema di video camere lungo il percorso della Formula E. Iniziativa che la sindaca di Roma intende estendere anche in altre aree centrali della città dalla zona archeologica (dove sono già attive n.d.r.) a piazza Vittorio. Sono previste anche azioni di potatura degli alberi lungo viale Europa e la donazione al Ministero di Grazia e Giustizia di quindici decespugliatori per il programma di reinserimento sociale dei detenuti. Gli strumenti saranno adibiti alla cura ordinaria e straordinaria del verde pubblico.

Un E-Prix all’insegna dell’imprevedibilità

Una sfida all’insegna dell’imprevedibilità, come l’ha definita il suo presidente e fondatore nel corso della conferenza stampa di lancio oggi in Campidoglio. Le prime sei gare di quest’anno sono state vinte da sei differenti piloti. Segno di una competizione capace di colpi di scena.

La manifestazione è giunta alla sua quinta edizione. Lo scorso 10 marzo A Hong Kong ha festeggiato le 50 tappe complessive (Roma sarà la 52esima). Quest’anno le auto di nuova generazione riescono a completare il numero di giri con l’uso di una sola autovettura, grazie alla maggiore resa delle batterie. In passato i piloti dovevano cambiare macchina completati un certo numero di giri per finire la competizione. Un campionato che cresce e affronta le sfide della mobilità elettrica e si propone come campo di confronto e crescita tecnologica delle vetture elettriche, è il caso di dirlo, on the road.

Il sistema di video camere interattive

Le video camere rispondono a due differenti criteri di sicurezza uno stradale e uno ambientale. Permetteranno cioè di diventare un mezzo in grado di valutare e gestire i flussi dei veicoli per il traffico, intervenire in tempo in caso di atti vandalici e problemi di viabilità, regolare in futuro anche la luminosità delle strade in base all’utilizzo delle stesse. Insomma un occhio in più per la città intelligente a servizio del cittadino.

E-prix per la città occasioni di svago ed eventi connessi

La Formula E rappresenta anche un’occasione per i cittadini di svago e divertimento. Oltre la visione della competizione sono previste diverse iniziative lungo l’E-Village a carattere gratuito. Iniziando già da lunedì 8 aprile con una due giorni di festa in Viale Europa dedicata in particolare ai residenti del quartiere Eur. Venerdì 12 invece sarà possibile accedere al village a partire dalle ore 12.00. Tra gli appuntamenti la possibilità di collaudare la pista con i propri mezzi sostenibili e partecipare alla sfilata finale “E-Parade”. Sono previste anche le prove libere del nuovo campionato Jaguar IPace eTrophy, competizioni di discipline paraolimpiche e a chiusura un concerto.

Voglio aprire un dialogo con i nostri partner per valorizzare la crescita del car sharing e della guida autonoma elettrici”  conclude il presidente Agag “ritengo che sono due servizi di mobilità che rientrano nello spirito dell’E-Prix”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
CONDIVIDI
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.