Favorire una costretta conoscenza dei meccanismi che stanno dietro alle attività di trattamento e gestione dei rifiuti. E’ con questo obiettivo che Fise Assoambiente (Associazione delle imprese di igiene urbana, riciclo, recupero e smaltimento di rifiuti urbani e speciali ed attività di bonifica) ha indetto per il prossimo 5 giugno, in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, l’iniziativa “Impianti aperti”. Durante l’evento, che si inserisce nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019, diversi impianti specializzati nella gestione dei rifiuti apriranno i cancelli alla cittadinanza e organizzeranno visite guidate.

Superare i pregiudizi

Superare i pregiudizi è fondamentale per fornire una visione di medio lungo periodo al nostro Paese in tema di gestione rifiuti. Fare economia circolare significa disporre degli impianti di gestione dei rifiuti con capacità e dimensioni adeguate alla domanda” – sottolinea in una nota il presidente di Fise Assoambiente Chicco Testa, “è oggi più che mai necessario sostenere una cultura che dia risalto alla capacità innovativa, in grado di creare valore e occupazione nei territori in cui si sviluppa. Per questo abbiamo promosso l’iniziativa “Impianti aperti” e con questo obiettivo abbiamo indetto il Premio Pimby Green con cui il prossimo 3 luglio premieremo pubbliche amministrazioni e imprese che si siano distinti nel campo di energia, gestione rifiuti, trasformazioni del territorio, per la realizzazione di impianti tecnologicamente avanzati”.

Gli impianti che si potranno visitare

Ad aprire le porte saranno numerose aziende, in diverse aree del Paese:

  • HERAmbiente con il termovalorizzatore di Pozzilli (Isernia);
  • CISA con l’impianto di Console – Massafra (Taranto);
  • ASJA con l’impianto di produzione di compost e biometano di Foligno (Perugia);
  • RENDINA AMBIENTE con il termovalorizzatore di San Nicola di Melfi (Potenza);
  • APPIA ENERGY con l’impianto di Massafra (Taranto);
  • ECOLOGIA VITERBO con due impianti (uno di trattamento meccanico biologico e una discarica) nel comune di Viterbo;
  • GESENU attraverso una campagna di educazione ambientale nelle scuole di Perugia, di sensibilizzazione alla corretta raccolta della plastica.
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.