A Modena il primo Hydrogen Innovation Center di Snam

Il centro sarà focalizzato sull'automazione. Ne seguiranno altri nel Paese, previsti accordi anche con gli Stati Uniti

383

idrogenoSarà Modena a ospitare la prima sede dell’Hydrogen Innovation Center. Il polo annunciato da Snam sull’eccellenza nazionale delle tecnologie dell’idrogeno servirà a costruire: “un’alleanza strategica tra imprese e mondo della ricerca per consolidare la filiera italiana dell’idrogeno e favorire la nascita di nuove aziende e progetti, anche attraverso l’avvio di un programma di accelerazione. L’obiettivo è proporre i primi progetti al mercato ed estendere la rete di partnership anche all’estero entro i prossimi due anni” dichiara in una nota Cosma Panzacchi, Evp Hydrogen di Snam.

La scelta nell’ambito di un accordo di collaborazione tra Snam e Unimore, università degli studi di Modena e Reggio Emilia. A questo si affiancheranno altri hub nel Paese, previsto già uno con il politecnico di Milano o l’Enea in relazione all’Hydrogen Valley di Casaccia (Roma); mentre entro la fine del 2021 Snam sbarcherà in un ateneo degli Stati Uniti.

I diversi hub si focalizzeranno su varie a attività di ricerca e sperimentazione che guardino all’intera filiera dell’idrogeno, dalle tecnologie di produzione alle infrastrutture di trasporto e stoccaggio fino agli usi finali, quali applicazioni industriali (siderurgia) e trasporti (automobili e camion a celle a combustibile, navi e treni).

Leggi anche Idrogeno, il Clust-ER Greentech valido alleato in Emilia Romagna

Il focus di studi dell’Hydrogen Innovation Center
di Modena

L’hub di Modena avrà come centro di studi automazione e mobilità. Nello specifico i quattro ricercatori coinvolti, supportati dal personale Snam, si concentreranno su: l’automazione delle filiere produttive di elettrolizzatori e celle a combustibile, un prototipo di stazione di rifornimento di idrogeno realizzato nell’Università con tecnologia italiana e nuove applicazioni a supporto dei veicoli a guida autonoma nonché soluzioni IoT (Internet of Things) e AI (intelligenza artificiale) per la mobilità del futuro.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.