Rinnovabili E1510065141524

Fornire alla città di Zhangjiakou una tabella di marcia” per promuovere l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili e favorire l’organizzazione di Olimpiadi invernali a basse emissioni di carbonio nel 2022. E’ quanto prevede l’accordo di cooperazione firmato dall’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) con il governo popolare della provincia di Hebei, in Cina. L’idea è quella di far diventare la città, che sarà tra le sedi della manifestazione sportiva, il primo esempio di progetto pilota per la transizione energetica in Cina, promuovendo la produzione del 50% della sua energia da FER entro il 2020.

Una zona olimpica a basse emissioni di carbonio

In base all’accordo, che è stato firmato dal direttore generale di IRENA Adnan Z. Amin e dal governatore della provincia di Hebei Xu Qin, verrà realizzata una “ zona olimpica a basse emissioni di carbonio” nella città di Zhangjiakou. In particolare si prevede di alimentare gli Olympic Centre e gli Olympic Stadium con energia green e di realizzare un Centro internazionale per l’innovazione del settore delle energie rinnovabili, un progetto per il quale IRENA fornirà un servizio di consulenza.

I commenti all’iniziativa

“La Cina ha compiuto notevoli progressi nel perseguimento delle energie rinnovabili e nella transizione verso un moderno sistema energetico” – ha spiegato il direttore generale di IRENA Adnan Z. Amin in occasione della firma del Memoradum of Understanding – “dall’adozione delle energie rinnovabili all’innovazione tecnologica la Cina sta emergendo come leader della nuova economia energetica e attore chiave nella trasformazione dell’energia”.

“Il perseguimento di una Olimpiade Invernale a basse emissioni di carbonio nel 2022 non solo sosterrà l’ambizione della Cina di abbassare le emissioni nocive, ma contribuirà a rendere il Paese un pioniere verso la decarbonizzazione economica. Questo accordo  faciliterà uno scambio positivo di competenze e conoscenze a due vie”, ha aggiunto Amin.

Soddisfatto il governatore della provincia di Hebei, Xu Qin che ha affermato: “La visione strategica del presidente Xi Jinping per una civiltà ecologica ha significativamente migliorato la protezione ambientale in Cina, apportando grandi benefici ai cinesi e accentuando il contributo della Cina allo sviluppo globale verde. La provincia di Hebei realizzerà la visione proposta dal presidente Xi, dando la priorità alla protezione ecologica e allo sviluppo ecologico, accelerando allo stesso tempo la velocità con cui costruiamo una bellissima Hebei”.

“Il potenziale di questa cooperazione con IRENA è ampio e luminoso. Dato che entrambe le parti lavorano per far progredire la ricerca e lo sviluppo, l’innovazione tecnologica e la crescita più ampia del settore delle energie rinnovabili. Ciò favorirà la nostra pianificazione per i giochi olimpici invernali a basse emissioni di carbonio”, ha aggiunto Qin. 

L’impegno green della Cina

La Cina ha visto crescere negli ultimi anni il suo impegno sul fronte della sostenibilità ambientale. Tra il 2012 e il 2016 il Paese ha decuplicato la quantità di energia solare utilizzata. In particolare nel 2017 sono stati introdotti 53GW di energia fotovoltaica e il Governo ha annunciato l’intenzione di aumentare gli investimenti nel comparto della produzione di energia da FER, arrivando a destinare al comparto 361 miliardi di dollari entro il 2020.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.