sharingIn Giappone e a San Francisco car-sharing e bike-sharing virano verso la e-mobility.

Il Paese del Sol Levante Nissan sta lanciando “e-share mobi”, un nuovo servizio di auto in condivisione la cui flotta sarà composta dalla generazione 100% elettrica della Leaf e dall’ibrida Note e-Power. A partire dal 15 gennaio, 30 stazioni di rifornimento saranno disponibili per la ricarica in diverse province, tra cui Tokyo, Kanagawa, Shizuoka, Osaka, Hyogo, Kyoto, Shiga, Nara e Wakayama. La larga presenza in tutto il Giappone, spiega una nota, suggerisce che il progetto sia destinato ad allargarsi ad altre regioni del Paese, ambendo a diventare uno dei più grandi sistemi di car-sharing al mondo, peraltro con un impatto ambientale molto ridotto.

A San Francisco, invece, la società Motivate, compagnia di bike-sharing per la Bay Area della città californiana, ha annunciato che in aprile aggiungerà un sistema elettrico di pedalata assistita a 250 biciclette della sua flotta. Le e-bikes, localizzabili tramite app, saranno realizzate dalla startup Genze, già fornitore dei motorini del servizio di scooter-sharing Scoot Networks a San Francisco, e potranno raggiungere una velocità di 29 km/h.

Il progetto pilota si inserisce nella rete già esistente “Ford GoBike” e durerà un anno. “Le e-bikes ridurranno il traffico di San Francisco – ha commentato Alix Bockelman della Commissione trasporti metropolitani della città – e diminuiranno i costi delle famiglie per i trasporti. Stiamo valutando di espandere il progetto anche in altre realtà Ford GoBike”. Nella città della Baia, ricorda la nota, l’e-bikes sharing è già proposto da un’altra società, la startup Social Bycicles.

Nel complesso, la rete Ford GoBike conterà alla fine di quest’anno 7.000 veicoli per 564 stazioni di scambio. La società diventerebbe con queste cifre il secondo sistema di bike-sharing per grandezza di tutto il Nord America.

Quando bike-sharing ed e-bike si uniscono

Le bici elettriche e il bike-sharing fino a poco tempo fa erano due mondi estranei tra loro. Sempre più città guardano a questa sinergia con interesse per ridurre i livelli di inquinamento urbano.

Le e-bike sono in forte diffusione: secondo i dati di Navigant Research, nel 2017 ne sono state vendute 35 milioni. I mezzi sono popolari soprattutto in Asia, con più di 200 milioni di unità stimate in Cina e in Europa, con la sola Germania che nel 2015 ne ha vendute 500 mila. Un vero e proprio cambio di marcia che si sta diffondendo anche negli Stati Uniti.

Print Friendly, PDF & Email