Ucraina, in attesa della nuova legge sul mercato energetico nasce l’associazione di settore

23

L’Ucraina vuole cercare una sua indipendenza dalla Russia, soprattutto dopo l’aggressione ricevuta, secondo quanto dichiara una fonte vicina al Governo di Lepoli a Canale Energia. L’obiettivo è condurre la nazione verso l’autonomia energetica. Massima disposizione verso i portatori di innovazione tecnologica. In quest’ottica il potere regionale ed il Governo sembrano individuare nell’energia rinnovabile la tecnologia in cui investire. Per questo c’è molta apertura verso iniziative degli imprenditori locali ed esteri sul territorio al fine di far crescere il comparto. La stessa Banca Europea di Ricostruzione e Sviluppo ha già finanziato diversi progetti nell’area.

Il mercato energetico è in via di rivisitazione nel Paese affinchè da centralizzato, diventi un sistema aperto. Il Parlamento sta valutando una “Legge sull’energia” che, secondo la fonte di Canale Energia, potrà introdurre alcune modalità di diversificazione del mercato, come la possibilità per i produttori di energia di concludere accordi di vendita direttamente con i consumatori. 

Su questo scenario di riferimento sta prendendo forma un’Associazione della Comunità Imprenditoriale di Complesso Combustibile-Energetico (CCE) la cui costituzione è prevista entro febbraio di quest’anno. Tra i membri potenziali vengono annoverati sia elementi Politici, come i Deputati del Parlamento e i Rappresentanti del Governo Ucraino, sia imprenditori e industriali nazionali del comparto CCE, inclusi coloro che hanno una licenza per la vendita di energia. L’associazione prevede di coinvolgere anche strutture e imprese europee del comparto (nello specifico la fonte di Canale Energia evidenzia la presenza dell’industria tedesca). Sono indicati come elementi possibili anche l’Ambasciata e la Camera di Commercio USA in Ucraina.

In vista della prossima approvazione della “Legge sull’energia” rispetto l’attesa decentralizzazione della vendita, l’associazione sta inserendo nello statuto “La Casa di Commercio” come una struttura separata con a disposizione un proprio fondo economico.

Lo scopo della Comunità Imprenditoriale Ucraina è la difesa degli interessi degli iscritti, siano essi impresa o persona fisica, e lo sviluppo della redditività delle aziende, favorendo la creazione di condizioni favorevoli ai partner di investimenti che intendono entrare nel mercato dei CCE locali. Si viene quindi a costituire una forma internazionale organizzativo-legale sulla base di standard internazionali per l’accesso al mercato mondiale, così da tutelare e favorire la condizione dei player energetici del comparto industriale Ucraino, ma soprattutto per aprirsi in modo più fluido a imprese e investitori esteri sul comparto.

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE e direttore editoriale del Gruppo Italia Energia.