Impatto ambientale, con Siemens meno emissioni dall’Ilva

55

ilvaQuattro impianti Meros della Business Unit Metals Technologies di Siemens saranno adoperati per la depurazione dei fumi provenienti dalle due linee di agglomerazione dell’acciaieria Ilva di Taranto.
L’ordine per la fornitura dei quattro impianti punta a rimpiazzare i precipitatori elettrostatici MEEP in grado solo di rimuovere le polveri e non anche l’anidride solforosa, i composti organici volatili, i gas acidi e i metalli pesanti che compongono gli oltre 2.6 milioni m3 di fumi immessi all’ora nell’atmosfera.
Il processo Meros prevede l’introduzione di agenti adsorbenti (carboni attivi e bicarbonato di sodio, ad esempio) nel flusso dei fumi di scarico per rimuovere tutte le sostanze inquinanti e di un filtro a maniche in cui si depositeranno le particelle di polvere. Il sistema, che non prevede l’uso di acqua per evitare fuoriuscite di vapore dai camini, può essere automatizzato per assicurare un funzionamento continuo anche in caso di fluttuazioni nel volume e nella composizione dei fumi.
La messa in servizio di due impianti è prevista per l’aprile 2015; i restanti entreranno in funzione nel settembre 2016.

Print Friendly, PDF & Email