La street art esempio di rigenerazione urbana e tutela del Pianeta

Inaugurato a Roma il murales più grande d'Europa che pulisce l'aria

1316

Si chiama “Hunting Pollution” ed è la più grande opera di street art rigenerativa d’Europa realizzata con pitture naturali che assorbono gli ossidi di azoto e aiutano a pulire l’aria. A svettare sui 1000 mq, un airone tricolore, specie in via di estinzione, simbolo della lotta per la sopravvivenza e della “caccia” all’inquinamento in una delle zone più trafficate di Roma. A raffigurarlo l’artista Federico Massa, alias Iena Cruz, milanese per nascita e newyorkese per adozione, che da anni con le sue opere riflette sui temi del cambiamento climatico e dell’estinzione animale e che per la prima volta si trova ad usare un materiale ecocompatibile: la vernice Airlite in grado di assorbire gli ossidi di azoto presenti nell’aria che ha ottenuto la certificazione di sostenibilità Cradle to Cradle.

Presenti all’inaugurazione del murales nel quartiere Ostiense il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che ha evidenziato il contributo del singolo cittadino nella tutela del Pianeta, e il Presidente pentastellato dell’8° Municipio Amedeo Ciaccheri, che ha parlato dell’importanza della rigenerazione urbana. A intervenire anche Kristen Grove, a capo della no profit Air is Art, volta alla fusione tra arte sostenibile e comunità culturali.

L’idea è di Veronica De Angelis, presidente della no-profit al femminile Yourban2030, che sfrutta il linguaggio universale dell’arte per sensibilizzare la collettività sulla sostenibilità ambientale, tema trasversale e declinabile nel futuro in più settori.

Tutto nel video servizio con le video interviste a Iena Cruz, Kristen Grove e Veronica De Angelis.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Ivonne Carpinelli
Giornalista professionista e videomaker, attenta al posizionamento seo oriented degli articoli e all'evoluzione dei social network. Si occupa di idrogeno, economia circolare, cyber security, mobilità alternativa, efficienza energetica, internet of things e gestione sostenibile delle foreste