Ammontano a circa 6 miliardi di euro i ricavi complessivi generati in Italia nel 2017 dalla filiera allargata dei prodotti e servizi per la mobilità elettrica, un settore che ha registrato una crescita costante nel periodo 2013-2017, con un tasso medio annuo del 28,7%. E’ quanto emerge dallo studio “La filiera della mobilità elettrica “Made in Italy”: imprese, territori e tecnologie della e-Mobilityche è stato presentato oggi a Roma da Motus-E e da The European House – Ambrosetti.

Scenari al 2030

Questo trend positivo potrebbe tradursi in risultati estremamente performanti per il comparto al 2030 se si prende in considerazione la curva di penetrazione dei veicoli elettrici BEV e PHEV. In particolare lo studio ipotizza due distinti scenari in base alla messa in atto di policy mirate più o meno rilevanti per promuovere il comparto: uno intermedio e uno base. Nel primo caso, ovvero lo scenario intermedio, il fatturato complessivo della filiera della mobilità elettrica “Made in Italy” potrebbe arrivare, in base alle previsioni, fino a 98 miliardi di Euro. Nel secondo scenario, quello definito base, che invece è più conservativo, questo valore scende a 79 miliardi di euro. Tutti questi dati si basano sul fatto che la transizione verso l’e-mobility potrebbe coinvolgere più di 10mila imprese.

E-mobility, “un volano” per l’Italia

La mobilità elettrica può rappresentare un volano per lo sviluppo dell’intero sistema-Paese – afferma in una nota Dino Marcozzi, Segretario Generale di Motus-E – lo studio realizzato con The European House – Ambrosetti  dimostra che le nostre imprese sono già pronte e stanno affrontando con coraggio le sfide della transizione. Questo studio è il punto di inizio di un percorso più approfondito che coinvolgerà comparti industriali e decisori pubblici in un’azione sinergica che punti all’espansione di questo settore strategico per il nostro Paese.”

Competenze trasversali

L’analisi mostra la natura poliedrica del comparto e-mobility che richiede competenze trasversali a diversi ambiti industriali. Dall’analisi svolta – spiega in nota Lorenzo Tavazzi, Associate Partner e Responsabile Area Scenari e Intelligence di The European House – Ambrosetti – emerge come la filiera della mobilità elettrica integri, da monte a valle, molteplici attività legate non solo alla tradizione che l’Italia vanta nell’automotive e nella componentistica, ma anche a prodotti e servizi innovativi e cross-industry. Attraverso il ripensamento dei modelli di business e la specializzazione su alcune produzioni ad alto valore aggiunto destinate alla mobilità elettrica, le imprese italiane potranno inserirsi sull’onda del trend di crescita del settore e rafforzare la propria presenza sul mercato domestico e all’estero per competere con i player internazionali.”

Linee di indirizzo per i decisori politici

Lo studio contiene inoltre 10 messaggi chiave, 10 linee di indirizzo rivolte ai decisori politici che mirano a favorire lo sviluppo futuro della mobilità elettrica made in Italy.

  • La filiera della mobilità elettrica in Italia integra le diverse attività del settore da monte a valle, connotandosi per un elevato valore strategico per il sistema-Paese e creando nuove opportunità di collaborazione tra gli attori della filiera.
  • La filiera core della e-mobility, formata dalle aziende che già operano nel settore, conta sulla presenza di “campioni” nazionali di grandi dimensioni e di un fitto tessuto di PMI.
  • A partire dalle oltre 160 realtà già presenti nel settore, possono essere coinvolte nella transizione verso la e-mobility più di 10 mila imprese attive in settori ad essa collegabili attraverso un processo di riconversione/focalizzazione dell’attuale modello di business.
  • L’intera filiera allargata della mobilità elettrica in Italia vale oggi circa 6 miliardi di Euro.
  • Considerando la curva di penetrazione degli autoveicoli elettrici Bev e Phev sul parco circolante nazionale secondo quanto previsto dai documenti di policy nazionale, il fatturato della filiera core della mobilità elettrica “Made in Italy” potrebbe raggiungere i 98 miliardi di Euro al 2030.
  • Circa la metà delle imprese e del fatturato della filiera core della mobilità elettrica si concentra nel Nord Ovest, ma cresce gradualmente il peso del Centro-Sud Italia.
  • La componente manifatturiera della filiera della e-mobility evidenzia una specializzazione produttiva sulle componenti a maggior valore aggiunto.
  • Nel quinquennio analizzato, tutte le diverse attività della filiera della mobilità elettrica in Italia hanno registrato un trend di crescita, in particolare nelle vendite e nei servizi di manutenzione e post-vendita.
  • Le aziende della filiera attive nella mobilità elettrica hanno dimostrato dinamicità e capacità di resilienza rispetto ai peer dei singoli settori, soprattutto in quelli strategici e a maggiore valore aggiunto.
  • Gli interventi a sostegno dello sviluppo della filiera della mobilità elettrica in Italia (attuale e potenziale) a livello-Paese dovrebbero focalizzarsi su 5 assi prioritari:Supportare la crescita dimensionale delle aziende della filieraFavorire la contaminazione di competenze tra imprese della filiera potenzialmente coinvolgibili nella e-mobility – Rafforzare l’orientamento all’internazionalizzazione e l’inserimento nelle nuove catene del valore della e-mobility – Creare un “framework Paese” integrato per lo sviluppo della mobilità elettrica e Promuovere la Ricerca e Sviluppo e migliorare il matching delle competenza tra sistema della formazione e industria.
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.