Il settore della ricerca e dell’industrializzazione delle tecnologie energetiche orientate alla produzione di biocarburanti, elettrocarburanti, idrogeno e bioenergie richiede 107 miliardi di euro come budget dal 2020 al 2030. È quanto emerge dalla valutazione effettuata dal gruppo di lavoro di Bruxelles sull’Integrated SET-PLAN (The Integrated European Strategic Energy Technology Plan – Piano Strategico Europeo Integrato delle Tecnologie Energetiche, Working Group – Action 8). Il team di esperti è composto da circa 40 membri di tutti gli Stati Europei e da membri delle Direzioni DG Energia e DG Ricerca e JRC , coordinata dal finlandese dr. Timo Ritonummi e dal Prof. Franco Cotana dell’Università degli Studi di Perugia, con il prezioso supporto dell’Ing. Luisa Marelli (JRC di Ispra – Varese).

IP – Implementation Plan

La rivoluzione passa in particolare dal Piano di Implementazione (IP – Implementation Plan). Un passaggio necessario per raggiungere gli obiettivi fissati al 2030 che darà una svolta al settore dei trasporti.

Raggiungere gli obiettivi DOI

I 107 miliardi di euro, comprensivi del contributo pubblico e di quello privato, consentiranno l’implementazione di soluzioni tecnologiche europee indispensabili per raggiungere gli obiettivi fissati dal DOI (Document of Intent) per il 2030.

Questi target prevedono:

  • biocarburanti avanzati prodotti con efficienza superiore del 30% rispetto lo stato attuale e a prezzi più ridotti per un totale di 2,15 Mtep (milioni di Tonnelate equivalenti di petrolio)
  •  produzione di idrogeno con un incremento dell’efficienza del processo di elettrolisi che deve raggiungere il 70% e costo inferiore a 4 euro al Kg con una riduzione di oltre il 40% dei costi attuali;
  • riduzione dei costi dei biocarburanti liquidi e gassosi prodotti da processi biochimici e termochimici e da alghe, minori di 35 euro a MWh nel 2030, con una riduzione dei costi attuali di circa il 30% o il 50%;
  • riduzione dei costi di conversione per gli impianti di cogenerazione a biomasse del 50% al 2030.

Impatto importante per settore aeronautico e navale

L’introduzione di biocarburanbti innovativi costituisce un elemento chiave per la sostenibilità energetica dei trasporti, con particolare riferimento ai settori aereonautico e  navale.

Entro giugno approvazione definitiva

L’approvazione definitiva del lavoro è prevista per giugno insieme ad altre proposte che formeranno il pacchetto di provvedimenti per favorire in Europa la transizione energetica dai combustibili fossili alle energie rinnovabili per il 2030.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.