Alla guida di un’auto ibrida, falsi miti e opportunità

Al termine la settimana della mobilità, la nostra esperienza di guida e alcuni consigli

227

Nella settimana europea della mobilità che si conclude oggi (16 -22 settembre), Canale energia ha deciso di salire su un auto ibrida e cominciare a testare falsi miti e possibilità di una vettura più sostenibile. Per una settimana abbiamo provato il crossover della Ford, la Puma ibrida.

Si tratta di un’auto il cui consumo energetico viene compensato da una batteria che si ricarica con il movimento dell’auto stessa. Per spiegare la sostenibilità di questa tipologia di automobile possiamo pensare come metafora allo stesso effetto che abbiamo nel mettere un cappotto termico e gli infissi coibentati in un grande appartamento di un edificio storico (d’altronde i primi mezzi con motori a scoppio nascono a metà dell’800) e pieno di spifferi che consuma tanta energia per scaldarsi o raffrescarsi. Quindi passare da una classe G a una C o magari con qualche altra accortezza arrivare a una A. Ovviamente qui siamo di fronte a un modello pensato con tecnologie e materiali efficienti, molto differente da un edificio storico. Inoltre, come ci insegna la fisica con la seconda legge della dinamica (Forza = Massa per accelerazione), un’auto grande, quindi pesante, consuma di più di una più leggera.

L’auto ibrida come si ricarica

Per chi avesse timore della ricarica delle auto elettriche queste è un altra tipologia di macchina: è ibrida e si fa semplicemente benzina. Ciò non toglie che l’aspetto elettrico ricopre una parte importante dei consumi e dei supporti della vettura. Pensiamo al parcheggio smart, alla sensoristica. Di fatto siamo a bordo di un computer per questo abbassare i costi energetici è importante ai fini dei consumi.

Auto ibride, ci sono vantaggi nel costo di gestione?

Ci siamo posti poi alcune domande frequenti rispetto all’uso di una vettura di questa come: ho agevolazioni fiscali? Ma soprattutto sarà vero che non pago il parcheggio sulle strisce blu?

In parte è così in parte no, nel video le risposte:

Auto ibrida, il test del weekend

Non poteva mancare il test del week end e della modalità di guida “Eco”. Percorreremo poco più di 150 Km, con tappe e salite. Il crossover risponde bene, i consumi ci sono, ma decisamente inferiori ad altri modelli simili.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.