L’arcipelago scozzese delle Orcadi rappresenta un esempio di come lo sviluppo tecnologico abbia permesso di raggiungere risultati positivi sul fronte della approvvigionamento energetico green. Il percorso virtuoso compiuto da queste isole, che ha portato il territorio ad avere una sovrapproduzione di elettricità da fer, è al centro del libro “Energia alla fine del mondo: una Saga delle isole Orcadi”, come si legge sul Guardian. Si tratta di un testo, scritto dalla studiosa di etnografia Laura Watts e pubblicato dalla MIT Press (casa editrice universitaria del Massachusetts Institute of Technology), che traccia un quadro dell’evoluzione di questo territorio e delle sfide ulteriori che intende affrontare.

Generare elettricità in modo green

Se in passato queste isole erano collegate, per la fornitura di energia, agli impianti presenti sulla terraferma (che sfruttavano per lo più carbone e gas), ora lo sviluppo di impianti eolici e di quelli che utilizzano l’energia maremotrice ha portato questo territorio a produrre un quantitativo di energia green tale da risultare sovrabbondante rispetto al fabbisogno. 

Un approccio green trasversale

In questi territori, spiega il Guardian nell’articolo, gli impianti eolici forniscono l’elettricità ai villaggi e alle automobili che gli abitanti del posto utilizzano per i loro spostamenti. A ciò si aggiunge la grande attenzione riservata alla sperimentazione sugli impianti di energia maremotrice e il progetto di riuscire a rendere green anche l’alimentazione dei traghetti che collegano le isole alla terraferma. In particolare su questo punto si sta valutando la possibilità di sfruttare l’idrogeno ottenuto da acqua elettrolizzata utilizzando l’elettricità degli impianti eolici o di quelli alimentati con il moto ondoso. 

Una rivoluzione che si svolge lontano dalle città

Quando le persone pensano alle tecnologie o all’innovazione futura, presumono che tutto debba accadere nelle città, aa questa rivoluzione, per quanto riguarda le energie rinnovabili, avviene in un posto che si trova ai margini della nazione”, ha spiegato in un’intervista al Guardian l’etnografia Watts, docente presso la School of GeoSciences, Università di Edimburgo. Le isole Orcadi, secondo la studiosa, stanno infatti rivestendo un ruolo chiave nel percorso verso le energie green della Gran Bretagna.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.