oil&gas tecnologia sottomarina

La tecnologia sottomarina ha registrato una crescita sostanziale negli ultimi tempi. 

L’aumento della domanda globale di petrolio e gas e l’interruzione dell’offerta dovuta alla guerra in Ucraina, nel 2022 hanno spinto i prezzi del petrolio a superare i 100 dollari. 

Secondo GlobalData, azienda leader nel settore dei dati e delle analisi, regioni come l’Europa stanno cercando di sostituire le importazioni russe con fonti alternative, e questo può stimolare lo sviluppo di progetti petroliferi e del gas con investimenti relativamente elevati, come quelli in acque profonde e ultra-profonde che si basano su sistemi sottomarini.

Le nuove opportunità nell’esplorazione e nella produzione offshore

L’ultimo rapporto tematico di GlobalData, “Tecnologie sottomarine per l’esplorazione e la produzione offshore di petrolio e gas – Ricerca tematica”, esamina le tendenze del settore petrolifero e del gas sottomarino che possono aprire nuove opportunità nell’esplorazione e nella produzione offshore.

Schermata 2022 07 28 Alle 14.25.07

Ravindra Puranik, analista del settore petrolifero e del gas presso GlobalData, commenta: “Il conflitto in corso tra Russia e Ucraina dovrebbe sostenere lo sviluppo di progetti offshore e sottomarini in tutto il mondo. Con numerosi Paesi che si sottraggono al petrolio e al gas russo, è sempre più necessario incrementare la produzione da altre regioni”.

I produttori di petrolio e gas che operano nei punti caldi sottomarini delle piattaforme continentali del Regno Unito e della Norvegia hanno già avviato iniziative per incrementare le attività di esplorazione e produzione, al fine di sostenere l’Europa nell’abbandono delle importazioni russe. 

Il prossimo autunno, il Regno Unito concederà nuove licenze per i blocchi del Mare del Nord e così migliorare la sicurezza energetica del Paese.

Anche la Norvegia ha offerto diversi blocchi per la concessione di licenze nel Mare del Nord, nel Mare di Norvegia e nel Mare di Barents. Ha inoltre permesso agli operatori di aumentare la produzione di diversi giacimenti di petrolio e gas nelle sue acque territoriali.

Puranik aggiunge: “La tecnologia sottomarina si è dimostrata affidabile in acque a diverse profondità. Poiché la maggior parte delle apparecchiature di produzione, lavorazione, stoccaggio e distribuzione dell’energia viene spostata sul fondale marino, riduce al minimo i costi di investimento (capex) e di gestione (opex) negli ambienti offshore. Questo sta incoraggiando le aziende a fare investimenti significativi in progetti sottomarini”. 

La tecnologia sottomarina permette di ridurre i costi

I progressi della tecnologia sottomarina stanno riducendo notevolmente i costi e i rischi operativi associati alla produzione offshore.

Il sottomarino consente di produrre petrolio e gas anche in pozzi meno economici, collegandoli a una rete sottomarina esistente.

Ad esempio, Laggan e Tormore sono giacimenti di gas e condensati situati a 125 km a nord-ovest delle isole Shetland, nel Regno Unito. Qui è stato utilizzato un collegamento sottomarino lungo 140 km all’impianto di gas delle Shetland.

Puranik conclude: “Gli elevati costi di capitale sono uno dei principali deterrenti per i progetti di petrolio e gas in acque profonde. Tuttavia, diversi sforzi volti a ridurre i costi, tra cui la razionalizzazione dell’approvvigionamento dei materiali, l’ottimizzazione dell’architettura sottomarina e la semplificazione dell’installazione delle apparecchiature, stanno contribuendo a ridurre i costi complessivi. Inoltre, gli appaltatori sottomarini stanno ottenendo riduzioni significative dei costi riducendo il tempo del ciclo di esecuzione del progetto”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.