Oggi 5 giugno si celebra la giornata mondiale dell’ambiente istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1972. Quest’anno punta i riflettori sull’inquinamento atmosferico. Sul tema una breve rassegna delle ultime iniziative di associazioni, enti di ricerca e aziende riguardo la riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera.

Presentato a Torino il protocollo Ispra-Anci sulla qualità dell’ambiente urbano

Questa mattina a Torino, nella giornata conclusiva degli Stati generali dell’aria pulita, è stato presentato da Ispra e Anci il contenuto del protocollo d’intesa siglato il primo marzo 2019 sulla qualità dell’ambiente urbano. Obiettivo dell’intesa, si legge nella nota stampa congiunta diffusa oggi, è il perseguimento dello sviluppo sostenibile nelle città italiane attraverso una serie di azioni: la collaborazione sulle attività di studio, analisi, valutazione e promozione della qualità dell’ambiente urbano e metropolitano per supportare la pianificazione, la progettazione e la gestione sostenibile di città e aree metropolitane. Senza dimenticare il coinvolgimento attivo della cittadinanza nella programmazione di politiche nazionali e locali e la condivisione tra l’Anci e l’Ispra di informazioni e dati per elaborare insieme analisi, benchmarking e studi sulle tematiche relative all’ambiente urbano.

Carburanti sostenibili in aviazione

Entro il 2022 partirà il primo impianto europeo dedicato alla produzione di carburante sostenibile per l’aviazione a Delfzijl, in Olanda. Ad annunciarlo in una nota stampa oggi i partner coinvolti nel progetto: la compagnia aerea Air France-KLM, SkyNRG, attiva nella ricerca di carburanti alternativi, e SHV Energy, multinazionale che riunisce aziende del settore energetico. Guardando al futuro dell’aviazione la compagnia aerea franco-olandese collabora alle attività di ricerca dell’Università tecnica di Delft, nei Paesi Bassi, su un concetto di volo innovativo noto come “Flying-V” che potrebbe far risparmiare il 20 per cento di carburante rispetto all’Airbus A350, l’aereo più performante di oggi.

Infine, la compagnia aerea franco-olandese ha diffuso oggi il rapporto 2018 sulle attività di responsabilità sociale d’impresa promosse dal Gruppo. L’analisi ha riguardato quattro aree principali: preservazione dell’ambiente, esperienza dei dipendenti, fiducia dei clienti e valore sociale. Il gruppo, evidenzia in nota, ha già raggiunto l’obiettivo fissato al 2020 di incrementare del 20% l’efficienza energetica per passeggero/km rispetto ai valori del 2011.

Emissioni CO2 da diesel e benzina

Secondo i dati del Centro Ricerche Continental Autocarro, prodotti sulla base di quelli diffusi dal ministero dello Sviluppo economico in merito ai consumi di carburante, da gennaio ad aprile di quest’anno l’uso di benzina e gasolio per autotrazione ha prodotto un aumento delle emissioni di CO2 in atmosfera dello 0,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Per la benzina l’aumento registrato è stato dello 0,1 per cento; per il gasolio dell’1 per cento. “L’aumento delle emissioni di CO2 derivate da benzina e gasolio registrato ad aprile arriva dopo due mesi di cali e interrompe quindi la tendenza alla diminuzione che si era registrata a febbraio e marzo”, commenta in una nota stampa diffusa oggi Enrico Moncada, business unit truck replacement and original equipment manager di Continental Italia.

L’attività di sensibilizzazione promossa dal Consiglio nazionale dei geologi

“Bisogna puntare decisamente sulle fonti di energia rinnovabile riducendo sempre più il ricorso ai combustibili fossili per contrastare l’inquinamento atmosferico”, ha commentato in una nota stampa invita oggi Vincenzo Giovine, vicepresidente del Consiglio nazionale dei geologi che quest’anno, “al fine di porre un freno al rischio che si assista a un peggioramento drastico della qualità dell’aria nelle città in cui viviamo, è necessario che ciascuno di noi modifichi il proprio agire e adotti comportamenti corretti e virtuosi”. L’associazione, come ogni anno, aderisce alla giornata mondiale dell’ambiente e lo fa sensibilizzando “le istituzioni, i media e i cittadini affinché le tematiche dell’ambiente siano sempre più di attualità, interesse e impegno per tutti”. La tutela della risorsa idrica superficiale e sotterranea, il consumo di suolo, i fenomeni di dissesto connessi agli aspetti climatici “non sono distanti ed estranei a noi e alle nostre attività ma ci coinvolgono in maniera diretta interagendo con le nostre esistenze”, conclude Giovine.

Pagamenti digitali più ecologici di quelli in contanti

In occasione della giornata mondiale dell’ambiente i dati della ricerca commissionata dalla De Nederlandsche Bank mostrano che i pagamenti tramite carte di debito producono minori emissioni di CO2 rispetto alle normali transazioni in contanti. In quest’ultimo caso sono da considerare le emissioni dovute alla produzione di monete e banconote e al loro trasporto e al funzionamento degli sportelli automatici.

Leggi anche Pagamenti digitali, l’impatto ambientale è inferiore rispetto ai contanti

I giovani preferiscono lavorare in aziende attente alla sostenibilità

“Al giorno d’oggi, per eccellere, le organizzazioni devono prestare attenzione non solo agli aspetti economici della propria attività ma devono farsi promotrici del cambiamento nei confronti di problemi sociali e ambientali, posizionando i collaboratori in prima linea”, afferma in un comunicato stampa inviato oggi Stefano Biaggi, amministratore delegato di Sodexo Italia, società attiva nei servizi di qualità della vita. In occasione della giornata mondiale dell’ambiente l’azienda rimarca le azioni finora promosse per dare il buon esempio: è tra i fondatori dell’International food waste coalition, l’associazione non profit che riunisce imprese attente alla riduzione dello spreco alimentare, e partecipa all’iniziativa SeDiciAlberi per la riforestazione del Nicaragua.

Sodexo riprende una recente indagine statunitense pubblicata dalla Cnbc dalla quale è emerso che l’86 per cento dei millennial, i giovani nati tra i 18 e i 34 anni, accetterebbe una riduzione del proprio stipendio pur di lavorare per un’azienda rispettosa dell’ambiente e che applichi concrete politiche di CSR. Questo, suggerisce l’azienda in nota, si traduce nel perseguimento di tre attività principali:

  1. Ridefinire il significato di azienda socialmente responsabile

Le organizzazioni dovrebbero rendere conto del proprio impegno in materia di CSR sulla base di indicatori come l’impatto economico, la trasparenza e il benessere dei propri collaboratori.

  1. Coinvolgere e ispirare i collaboratori

Le aziende dovrebbero impiegare le proprie energie in programmi globali che consentano ai collaboratori di entrare in contatto con colleghi e organizzazioni in tutto il mondo e avere un ruolo attivo nella ricerca delle soluzioni.

  1. Superare la crisi di sfiducia

Le aziende devono intervenire per modificare il diffuso clima di sfiducia creatosi negli ultimi anni, permettendo ai collaboratori di diventare reali agenti del cambiamento sociale.

“Più alberi per i nostri bimbi”

“Più alberi per i nostri bimbi” è la campagna lanciata oggi da Mellin per rendere più verdi le nostre città. L’iniziativa, che rientra nel progetto Mosaico Verde di Azzero CO2, prevede la piantumazione di un albero ogni 50 nuovi nati in Italia per raggiungere annualmente 9.000 alberi per i prossimi anni.

Si partirà da Milano con la posa di 100 alberi e un intervento di rigenerazione ambientale per un’area verde di 1.400 mq a sud della città, di fronte all’Ospedale San Paolo. “L’intervento, che rientra nell’ambito del progetto “Cura e Adotta il verde Pubblico” dimostra come dalla sinergia tra pubblico e privato nascano progetti sostenibili e utili per la collettività – ha dichiarato in un comunicato stampa Pierfrancesco Maran, assessore a Urbanistica, Verde e Agricoltura del comune di Milano – A Milano abbiamo oltre 450 mila alberi, un dato destinato a incrementare notevolmente anche grazie al contributo di cittadini, associazioni e aziende che collaborano a rendere la nostra città più verde e vivibile”.

 

Un rendering dell’area
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.