Trasporti Pesanti AiraassociazioneL’Irena ha pubblicato un’anticipazione del report “Reaching zero with renewables” che verrà presentato il prossimo 21 settembre in occasione degli eventi del Clean energy ministerial and mission innovation.

I dati del report di Irena: ecco i 7 settori più inquinanti

In particolare dallo studio emerge come quattro settori a più alta intensità energetica (ferro e acciaio, prodotti chimici e petrolchimici, cemento e calce e alluminio) e tre settori chiave dei trasporti (trasporto merci su strada, aviazione e spedizione) potrebbero insieme rappresentare il 38% delle emissioni a livello globale entro il 2050. Il tutto se non si mettono in atto interventi politici mirati. Questi ambiti potrebbero inoltre arrivare a generare il 29% del consumo finale di energia.  

Qualche numero

Tra  le carte vincenti a disposizione per ridurre a zero le emissioni di questi comparti entro il 2060 ci sono miglioramenti dell’efficienza, elettrificazione, uso delle energie rinnovabili, insieme a misure di rimozione di CO 2 .“Senza tali misure, le emissioni di energia e di processo potrebbero ammontare a 11,4 gigatonnellate dall’industria e 8,6 gigatonnellate dai trasporti a metà del secolo”, spiega il report. Inoltre, insieme alle azioni settoriali, sono necessarie anche azioni trasversali a livelli più alti.

Le 10 raccomandazioni

Dieci sono in particolare le raccomandazioni dell’Irena per riuscire a raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni.

  • Perseguire una strategia basata sulle energie rinnovabili per i settori di utilizzo finale con l’obiettivo finale di emissioni zero
  •  Sviluppare una visione e una strategia condivise e sviluppare insieme tabelle di marcia che coinvolgano tutti i principali attori
  • Creare fiducia e conoscenza tra i decisori
  • Pianificare e distribuire tempestivamente l’infrastruttura di abilitazione 
  • Promuovere la domanda iniziale di prodotti e servizi verdi
  •  Sviluppare approcci su misura per garantire l’accesso ai finanziamenti 
  • Collaborare oltre i confini
  • Pensare a livello globale, utilizzando i punti di forza nazionali.
  • Stabilire percorsi chiari per l’evoluzione delle normative e degli standard internazionali
  • Sostenere la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione sistemica
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.