camera energia in parlamento governo transizione ecologicaI lavori sui Ddl di conversione in legge dei vari DL connessi al Piano nazionale di ripresa e resilienza, Pnrr, stanno sicuramente impegnando molto il Parlamento nelle ultime settimane. Allo stesso tempo, però, non mancano passaggi di interesse per l’energia in questa settimana.

Il Pnrr alla Camera

Mercoledì la sottosegretaria per la Transizione ecologica Vannia Gava ha risposto a un’interrogazione in commissione Ambiente sull’utilizzo del suolo agricolo nello sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili. In particolare, la sottosegretaria ha ricordato come sia stato istituto “un gruppo di lavoro tecnico a cui partecipano componenti del Mite, del Mipaaf” e dieci regioni con la Sardegna capofila. “In discussione, oltre alla definizione giuridica di area idonea, i criteri di individuazione di tali aree da parte delle Regioni che, necessariamente, dovranno privilegiare l’utilizzo di strutture edificate con l’intento di limitare il consumo di suolo, tutelando maggiormente i terreni vocati all’agricoltura e di pregio paesaggistico/naturale” (qui la risposta completa).

Lo stesso giorno il titolare del Mite, Roberto Cingolani, ha risposto in aula a un’interrogazione su prevenzione e contrasto del traffico illecito dei rifiuti; un fenomeno che “potrebbe essere favorito indirettamente dall’inadeguatezza delle strutture impiantistiche esistenti, oltre che da una non corretta pianificazione del ciclo del rifiuto, che può condurre al suo smaltimento illecito. L’impegno del ministero va evidentemente nel senso di superare tutte queste criticità” (qui la risposta completa).

Ampia la pagine delle audizioni. Lunedì le riunite Affari costituzionali e Ambiente hanno ascoltato Osservatorio civico Pnrr e Osservatorio transizione ecologica, Associazione nazionale produttori di energia da bioliquidi (Anpeb), Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis), Confindustria Cisambiente e Viveracqua (Gestori idrici del Veneto) nell’ambito dell’esame del Ddl 3146 di conversione in legge del DL 77/2021 su “governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure” (qui le memorie).

Da segnalare che sullo stesso atto le I e VIII hanno concluso un ciclo di audizioni con 90 soggetti (le memorie), mentre in V il Governo ha depositato una relazione tecnica.

Martedì, invece, la Attività produttive ha ascoltato rappresentanti di A2A nell’ambito della discussione di una risoluzione su trasformazione energetica, fonti rinnovabili e idrogeno, mentre mercoledì sono intervenuti Fnm ed Edison. Martedì la X ha svolto anche le audizioni di Confcommercio e Confesercenti per alcune risoluzioni riguardanti la liberalizzazione energetica (tutte le memorie qui). Ance, Utilitalia ed Elettricità Futura, infine, sono state ascoltate in commissione Lavoro in tema di “conseguenze occupazionali dell’applicazione dell’articolo 177 del Codice dei contratti pubblici”.

Da segnalare alla Camera anche la trasmissione dal Senato del Ddl di conversione del DL 6 maggio 2021, n. 59, recante misure urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti”. L’atto (n. 3166) è stato assegnato alla commissione Bilancio che ha concluso rapidamente i lavori giovedì, rimandando il testo senza modifiche all’aula.

Senato

Depositata dal Governo a Palazzo Madama la proposta di legge di “Conversione in legge del DL 23 giugno 2021, n. 92, recante misure urgenti per il rafforzamento del ministero della Transizione ecologica e in materia di sport” (atto numero 2301).

Da segnalare anche le Pdl Mazzetti (FI) su “Disposizioni per la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile delle isole minori” (n. 3164) e L’Abbate (M5S) “Disposizioni in materia di transizione ecologica per il contrasto all’aumento dei gas serra fluorurati provenienti dalla refrigerazione commerciale” (n. 2236).

Leggi anche “Un Pnrr chiaro, di ampio respiro e senza battute d’arresto”. Così H2IT per la crescita dell’idrogeno in Italia

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Antonio Jr Ruggiero
Nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore delle riviste CH4, EIDOS e Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.