La settimana di lavori parlamentari ha riproposto un vecchio tema, più volte protagonista delle riflessioni sul settore energia: il Mediterraneo come “hub” delle fonti rinnovabili e degli idrocarburi, oltre al ruolo dell’Italia all’interno di esso.
Da segnalare, intanto, che martedì la commissione parlamentare di inchiesta sulla Tutela dei consumatori e degli utenti ha svolto l’audizione del presidente dell’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato, Roberto Rustichelli. Tra i temi trattati anche i contratti energia e il fenomeno del “telemarketing aggressivo” (qui il video dell’intervento).

Lo stesso giorno, sul sito di Camera e Senato, è stata pubblicata la Relazione sulla politica dell’informazione per la sicurezza, Anno 2021, approvata dal Copasir con diversi passaggi sull’energia (qui il testo completo).

Inoltre, sempre nel corso di questa settimana, è stata pubblicata sui sito web delle Camere anche una relazione Copasir “sulle conseguenze del conflitto tra Russia e Ucraina nell’ambito della sicurezza energetica” (il testo).

Camera dei deputati

Il Mediterraneo è “uno degli hub più importanti dal punto di vista dell’irraggiamento solare e della mappa dei venti”, oltreché “l’hub più importante dal punto di vista del gas e del gas liquido”. Dunque, l’azione di politica energetica dell’ultimo periodo “potrebbe diventare un’opportunità”.

È quanto riferito martedì in aula della Camera dal ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani, che ha reso un’informativa urgente sull’aumento dei costi dell’energia (qui il discorso integrale).

Di energia si è parlato anche in commissione Finanza martedì, dove sono state svolte le interrogazioni n. 5-08013, “Rimborso delle accise provinciali sull’energia elettrica pagate per il biennio 2010-2011”, e n. 5-08009, “Chiarimenti in ordine ai termini per l’approvazione delle tariffe e dei regolamenti della Tari da parte dei Comuni” (qui le risposte).

In particolare, secondo il sottosegretario al Mef, Federico Freni, “il nostro Paese registra storicamente un costo per i servizi di rete (trasmissione, distribuzione e misura dell’energia elettrica) fra i più bassi a livello europeo, sia per i consumatori domestici sia non domestici, chiaramente certificato dai dati pubblicati da Eurostat”.

Infine, la Attività produttive dove la sottosegretaria al Mite, Vannia Gava, ha risposto ieri alle interrogazioni: 5-06905, ulteriori iniziative a sostegno delle aziende gasivore, in particolare per le piccole e medie imprese e le imprese artigiane, per fronteggiare l’aumento dei costi energetici; 5-07663, attività poste in essere dal commissario straordinario della Pubbliservizi Spa di Catania e sulla vigilanza del ministero dello Sviluppo economico a esse relative; 5-07669, iniziative di competenza per fronteggiare l’aumento generale dei prezzi conseguente al conflitto russo-ucraino e a sostegno delle imprese e delle famiglie.

Per l’occasione la sottosegretaria ha ricordato “il nuovo decreto Energia volto a contenere il prezzo attraverso una rideterminazione dell’aliquota dell’accisa e di quella dell’Iva sui carburanti” e “il cosiddetto decreto Aiuti con cui sono stati destinati ulteriori 14 miliardi per misure contro il caro-vita, da un lato, e per sostenere la produttività delle imprese e l’attrazione degli investimenti, dall’altro”.

Senato della Repubblica

Nel corso di questa settimana è arrivato a Palazzo Madama il disegno di legge n. 2598, “Conversione in legge del DL 30 aprile 2022, n. 36, recante ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Pnrr”, assegnato alle commissioni riunite Affari costituzionali e Istruzione.

Assegnato, invece, alle riunite Finanza e Industria il Ddl n. 2599 di conversione del DL 2 maggio 2022, n. 38, noto come “Decreto carburanti”. Sull’atto è stato pubblicato anche un dossier del Servizio studi.

Martedì, infine, è stato deferito alla commissione Agricoltura l’affare n. 1166 relativo alle problematiche di sviluppo e diffusione degli impianti fotovoltaici nelle aree agricole.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore della rivista CH4 edita da Gruppo Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.