efficienza energeticaI benefici legati agli interventi di efficienza energetica nei siti produttivi aziendali sono multipli e indispensabili, soprattutto alla luce del processo di decarbonizzazione intrapreso dall’Italia e dall’Unione europea. Non si tratta solo di risparmi, ma anche di ottimizzazione della produzione, maggiore sicurezza sul lavoro e crescita più sostenibile delle imprese.

I tanti benefici dell’efficienza energetica

Alcuni esempi concreti sono stati illustrati oggi in occasione dell’evento promosso dalla Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia (Fire) ed Enermanagement.Al centro di questo cammino emerge però il ruolo umano, sempre più importante e rivolto ad una maggiore collaborazione fra funzioni diverse nella stessa impresa (ripensamento della proposta di valore in chiave sostenibile dei vari prodotti e servizi offerti dalle imprese, riduzione dei rischi e dei costi di produzione del valore aggiunto) o fra imprese differenti (circolarità, efficientamento delle filiere, sostenibilità)”, si legge in una nota stampa.

In particolare, è stato presentato il progetto M-Benefits con il quale è stata sviluppata una metodologia per aiutare energy manager, utility ed Esco a comprendere gli effetti delle soluzioni di efficientamento energetico e a promuoverli con più incisività ai vertici aziendali.

Esempi pratici

Tra i progetti pilota, presentati quelli di Eni, Hera e Perardi e Gresino. Hanno evidenziato i miglioramenti in termini di qualità del prodotto e del processo produttivo, innovazione della linea di produzione, sicurezza sul lavoro, manutenzione ed emissioni inquinanti.

In termini di tecnologie e servizi, l’evento ha portato alla luce i benefici economici derivanti dalla produzione di energia e di contratti per l’acquisto di energia rinnovabili (Ppa), dall’efficientamento del servizio di aria compressa e dall’uso di piattaforme basate sull’intelligenza artificiale per la gestione di impianti di consumo.

L’evento si è concluso mostrando le opportunità di partecipazione ai progetti pilota del modello di business GoSafe with Esi, rivolto alle Pmi per semplificare gli investimenti in efficienza energetica, cogenerazione e fonti rinnovabili. E con le misure dedicate all’efficienza energetica.

Efficienza energetica e decarbonizzazione produttiva

“La decarbonizzazione riuscirà a raggiungere gli obiettivi previsti solo se si darà applicazione diffusa al principio Energy Efficiency 1st, sia nella definizione delle politiche, sia nella gestione energetica di imprese ed enti”, conclude la nota. Principio “alla base degli scenari dell’Agenzia internazionale per l’energia legati all’attuazione dell’Accordo sul clima di Parigi”, che “non sembra purtroppo essere al centro dell’agenda politica, né del Pnrr”. Senza per questo scoraggiare il lavoro della Federazione nei prossimi anni, rimarca la Fire in nota.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.