Da una parte i lavori di ristrutturazione per rendere il vano tecnico in linea con i requisiti previsti dalla normativa sulla prevenzione degli incendi. Dall’altra la sostituzione delle vecchie caldaie a gasolio con modelli a condensazione a metano installati in cascata. Sono state queste alcune fasi che hanno scandito la realizzazione del progetto di riqualificazione della centrale termica della sede dell’Auditorium RAI presso il Foro Italico di Roma. Un’operazione che, si legge in una nota, “ha permesso un forte risparmio sui consumi, grazie al cambio di combustibile e alle caratteristiche dei nuovi generatori, in grado di modulare la potenza da erogare secondo le effettive necessità”. La società installatrice che si è occupata del progetto è CO.GE.IM.

Una potenza complessiva di 816 kW

Nello specifico sono state installate otto caldaie murali a condensazione Baxi Luna Duo-tec MP+ 1.110 per una potenza complessiva di 816 kW. Un impianto ad alta efficienza,  modulare che può essere gestito attraverso il remote monitoring.

I vantaggi della gestione da remoto

Nello specifico la gestione da remoto permette una serie di vantaggi. Tra questi quello di verificare costantemente l’impianto e migliorarne l’efficienza collegandosi su qualsiasi device, ovunque e in qualunque momento. Inoltre “grazie a un costante controllo dei vari parametri online, il sistema permette di esaminare dati, intervenire sui parametri di funzionamento e comunicare in tempo reale eventuali situazioni di allarme/blocco, evitando così i fermi macchina”.

Le caratteristiche delle caldaie installate

Le 8 caldaie murali a condensazione installate appartengono alla linea Luna Duo-tec MP+ 1.110. “Ognuna è dotata di pannello di pannello di controllo digitale con display LCD retroilluminato in grado di dare subito accesso a tutte le informazioni e ai parametri di funzionamento, sono state montate su specifici telai che hanno reso possibile il posizionamento dei generatori all’interno del vano tecnico”, spiega la nota.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.