Repetable: i collant di plastica da indossare

616
stockings calze collant
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Gli oceani di plastica sono ormai una triste realtà che fa parte del nostro presente e del prossimo futuro, con le 150 milioni di tonnellate accumulate finora e gli 8 milioni che si aggiungono ogni anno. Ognuno deve fare la sua parte sia come singolo che come collettività, ma sono soprattutto le aziende, di qualsiasi settore, a dover cambiare le cose attraverso il giusto mix di innovazione e sostenibilità.

E’ ciò che hanno deciso di fare le aziende RadiciGroup realtà italiana nata a Bergamo leader nella produzione di poliammidi, fibre sintetiche e tecnopolimeri destinati ad applicazioni in diversi ambiti, principalmente nel settore tessile/moda – e Oroblù – marchio di calze di alta gamma di proprietà di Csp International, gruppo che opera nel settore della produzione e distribuzione delle calze, intimo e costumi da bagno situato nella zona di Mantova – è nato Oroblù save the oceans”, il primo collant in Italia realizzato con filati ottenuti dal riciclo del Pet delle bottiglie.

Questo collant è realizzato con Repetable, un filato di poliestere del tutto nuovo, risultato del processo di riciclo delle bottiglie di plastica, che permette di ridurre i consumi di acqua ed energia, perché non consuma nuova materia prima. Repetable viene inoltre tinto in massa, consentendo un ulteriore risparmio di acqua ed energia elettrica impiegate nella lavorazione.

Il vantaggio è ulteriore se si pensa che le aziende in questione si trovano nella zona tra Bergamo e Mantova, favorendo in questo modo tracciabilità e km zero.

La nostra strategia di prodotto – ha sottolineato Angelo Radici, presidente di RadiciGroup è sempre più orientata a incrementare luso di materia prima da recupero, senza però rinunciare alle performance delle soluzioni che proponiamo ai nostri clienti. Abbiamo lavorato fianco a fianco con Oroblù per mettere sul mercato un collant di qualità, bello e sostenibile che potesse soddisfare le esigenze anche delle consumatrici più attente e sensibili a queste tematiche. Ed è per noi motivo di orgoglio poter lavorare con realtà di eccellenza del nostro territorio.”

“La nostra azienda ha da sempre sviluppato collezioni che offrono prodotti di qualità, in cui l’attenta mano stilistica, in concerto con il team di sviluppo prodotto, ha sempre curato la costante attenzione all’eco-innovazione” spiega Carlo Bertoni, amministratore delegato di Csp International fashion group. “Abbiamo sviluppato il concetto di sostenibilità integrandolo al nostro metodo di lavoro, attraverso la selezione di materie prime riciclate e riciclabili, garantendone l’intero percorso di tracciabilità, forti, anche del fatto, che il ciclo produttivo è basato prevalentemente in Italia nel territorio mantovano. Da anni lavoriamo con RadiciGroup con il quale abbiamo concretizzato l’importante progetto “Save the Oceans”, realizzando collant che vestono le gambe delle donne e che di pari passo fanno bene all’ambiente.”

Leggi anche: “Occhiali da sole dai rifiuti oceanici”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.