Packaging ecosostenibile e coscienza ecologica: la rivoluzione è servita

406

Packaging ecosostenibile e coscienza ecologica la rivoluzione è servitaIl numero delle aziende e delle grandi industrie che nel mondo stanno riorganizzando e ripensando il loro processo produttivo, a beneficio di scelte di stampo green e rispettose dell’ambiente, è in continua crescita.

La riduzione dell’impatto sul pianeta è un obiettivo comune che, tra le altre cose, può essere letto dalle imprese come un’occasione imperdibile e vantaggiosa. Il mercato, infatti, premia sempre più spesso i prodotti eco friendly e quelli confezionati all’interno di packaging ecosostenibile. Quest’ultimo in particolare può tradursi in una preziosa occasione per le aziende: i consumatori infatti considerano ormai quello dell’ecosostenibilità come un discrimine cruciale, che orienta sempre di più il processo di acquisto. È corretto inoltre sostenere come si stia lentamente affermando una vera e propria coscienza ecologica collettiva, fatta di nuove consapevolezze e necessità. Essa è strettamente connessa alle tematiche della salute e del futuro, inteso sul lunghissimo periodo.

Focus sulle politiche ambientali messe in pratica dalle aziende

I cambiamenti climatici non sono uno spauracchio lontano da agitare alla bisogna: rappresentano un’urgenza reale nei confronti della quale indugiare è profondamente sbagliato. Ecco perché il cambio di passo sta avvenendo sia in relazione alle persone comuni, sempre più spesso chiamate a intraprendere percorsi virtuosi nella loro routine quotidiana, che alle realtà imprenditoriali. Il tema dell’impatto sull’ambiente per ciò che riguarda la produzione industriale è sempre più in alto nella classifica dei temi ritenuti centrali. Le persone stanno imparando a scegliere cosa acquistare anche e soprattutto in base a quella che è la specifica politica ambientale dell’azienda di riferimento. La quale, a sua volta, ci guadagna in termini di brand reputation. Insomma, quella di rispettare e difendere la natura è una scelta che offre profili di convenienza davvero a tutti: mercati, imprese e consumatori.

Imballaggi virtuosi e di design: è caccia ai materiali più performanti

Sappiamo bene quanto la tematica dell’inquinamento da plastiche sia centrale nel dibattito internazionale. Questo materiale è stato messo nel mirino ed è principalmente nei suoi confronti che – soprattutto per ciò che concerne il tema del packaging – si va in cerca di soluzioni alternative, ecosostenibili e performanti. L’impiego degli imballaggi green, per loro essenza opposti alla plastica inquinante, ha infatti visto crescere attorno a sé il consenso dei consumatori. E’ anche questo aspetto che ha spinto realtà affermate, Pmi ma anche start up innovative a lanciarsi alla ricerca di nuovi materiali virtuosi. E’ estremamente importante poter ricevere il buon esempio soprattutto dalle realtà del mondo dell’industria. Per queste ultime, peraltro, diventa possibile mettere a segno una consistente riduzione dell’impatto ambientale visti gli importanti volumi relativi ai prodotti che continuamente riversano sui mercati. Al tempo stesso anche il consumo di energie avviene in maniera più consapevole e, soprattutto, facendo ricorso alle rinnovabili. L’obiettivo finale, al raggiungimento del quale contribuisce in maniera importante il packaging ecosostenibile, è quello dell’abbattimento delle emissioni inquinanti.

La potenza del messaggio green viene veicolata anche dai social

Veicolare il messaggio green di questi tempi è divenuto estremamente semplice e intuitivo, soprattutto grazie alle potenzialità delle piattaforme social come Facebook e Instagram (ma non solo). È qui che le realtà imprenditoriali sbarcano per mettere in vetrina i loro intenti e aggiornare il pubblico in merito alla riconversione green della loro produzione. La nuova sensibilità da parte dei consumatori, che abbiamo identificato come una nuova coscienza ecologica, consente di fare scelte consapevoli soprattutto dal punto di vista del packaging ecosostenibile. In relazione ad esso e ai materiali virtuosi ai quali abbiamo fatto accenno in precedenza – nei confronti dei quali è attiva un’importante campagna informativa internazionale – si tratta senza dubbio di:

  • cartone ondulato,
  • carta e cartone riciclato,
  • Pet (polietilene tereftalato),
  • plastica riciclata (raccolta sulle spiagge o negli oceani).
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.