Budoni (SS) vince il premio Comuni ricicloni di Legambiente Sardegna

Il Comune raggiunge l’88% di raccolta differenziata

638

rifiutiLa raccolta differenziata è per il nostro Paese la croce e delizia dell’essere green, ma la strada è ancora lunga e molto disomogenea nelle differenti aree d’Italia. Nelle aree metropolitane è ancor più difficile riciclare rispetto ai comuni più contenuti e, ancora una volta, la differenza la fanno le amministrazioni con iniziative proprie.

L’Italia avrebbe dovuto raggiungere il 65% di raccolta differenziata entro il 2012. Eppure, dai dati più recenti del 2018, i rifiuti urbani oggetto di raccolta differenziata costituiscono il 58% del totale. Rispetto le  notevoli differenze che si verificano tra le Regioni possiamo constatare che: il Nord si attesta intorno ad una media del 58% con percentuali anche superiori al 65%, come da obiettivo. Nel Sud si precipita rovinosamente verso la soglia del 40%, un calo dovuto anche  alla diffidenza della sua utilità. Tra le eccezioni, spunta la Sardegna che si attesta a quota 67%.

Il comune di Budoni è il più virtuoso

È in questo contesto che si inserisce il comune di Budoni della provincia di Sassari, nella riviera gallurese. Con l’88% di raccolta differenziata raggiunta nel 2019, entra di diritto tra i comuni sardi con le migliori performance nella gestione sostenibile dei rifiuti solidi urbani, vincendo il premio Comuni ricicloni 2020, il rapporto realizzato ogni anno da Legambiente Sardegna con l’obiettivo di fotografare lo stato della raccolta differenziata e di valorizzare le best practice presenti nel territorio isolano.

Il sindaco di Budoni, Giuseppe Porcheddu, afferma che questo riconoscimento è il coronamento di un impegno collettivo che parte da lontano. Soprattutto i territori ad alta vocazione turistica hanno il compito di raggiungere i picchi massimi di raccolta differenziata, spiega il Sindaco, rappresentando non solo un dovere, ma anche un investimento lungimirante per la propria immagine e il proprio futuro. Tutto merito di un avanzato metodo di prelievo porta a porta che ha riguardato le tante tipologie di materiali post consumo. Il riconoscimento ricevuto da Legambiente diventa, nell’intenzione dell’Amministrazione comunale di Budoni, solo il primo gradino per una strategia di ulteriore progresso nella gestione dei rifiuti urbani. Tutte le località a vocazione turistica dovrebbero far propria questa modalità di gestione sostenibile del rifiuto solido urbano, anche perché, qui è molto più semplice effettuarla e monitorarla, data in genere la dimensione ridotta di queste località rispetto ai grandi centri urbani.

Budoni e le sue iniziative future partendo dai più giovani

L’obiettivo del Comune ora è non accontentarsi di un ottimo livello di raccolta differenziata, seppur efficace, ma agire a monte nella riduzione dei rifiuti. L’Amministrazione ha quindi deciso di avvalersi di una serie di iniziative di sensibilizzazione nelle scuole cittadine, sia come attività curriculari, che estive, per educare gli studenti del Comune al corretto trattamento dei materiali post consumo.

Cos’è il premio Comuni ricicloni?

Comuni ricicloni, iniziativa di Legambiente nata nel 1994, mira a far aderire il maggior numero possibile di comuni alla raccolta differenziata, in modo da poterla avviare dove non sia già presente e consolidarla dove lo sia. L’iniziativa di Legambiente è sponsorizzata dal ministero per l’Ambiente e sostanzialmente premia i comuni virtuosi nella gestione dei rifiuti in toto; ovviamente, i dati forniti dai comuni vengono verificati da Legambiente con le Arpa regionali (Agenzia regionale per la protezione ambientale).

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.