Bambù una risorsa di biomassa e cattura di CO2 altamente performante

467
panda bambù
Foto di qgadrian da Pixabay

Il bambù potrebbe essere una risorsa non solo per i panda che ne sono ghiotti, ma anche come biomassa di veloce crescita a di grande resa. Con un ettaro di piantagione di bambù si può arrivare a produrre più di 300 tonnellate di biomassa all’anno. L’economia legata all’utilizzo di questa pianta occupa attualmente, a livello planetario, oltre 600 milioni di persone (l’8,5% a livello globale).

È quando evidenzia Forever Bambù (https://www.foreverbambu.com/lp-fb27/), in una nota. Si tratta di una realtà impegnata nella piantumazione del bambù gigante, che rientra nel progetto Onu ActNow a sostegno delle azioni individuali contro il cambiamento climatico.

Un dato che interessa anche il suolo italiano come emerge dallo studio finanziato dall’azienda su bambuseti impiantati sul territorio nazionale, realizzato dalla dott.ssa Elena Neri, fondatrice di Indaco2, società specializzata in Indicatori di Sostenibilità per la valorizzazione ambientale di prodotti e aziende.

L’impatto ambientale del bambù

Un bambuseto Forever Bambù di un ettaro comprende circa 1200 piante madri di bambù da cui derivano circa 30.000 canne quando il bambuseto diventa adulto.

Un bambuseto così composto preleva 275 tonnellate di CO2 all’anno contro le 7,74 tonnellate di un bosco misto di conifere e latifoglie dall’atmosfera. Si tratta di una quantità di anidride carbonica 36 volte maggiore per una più veloce capacità di crescita. Difatti una pianta madre di bambù gigante, raggiunge la maturità in 8-9 anni.

Un lasso di tempo che vede crescere l’estensione della pianta madre di almeno 25 fusti alti fino a 20 metri e con un diametro alla base che può arrivare anche a 20 cm. Un bambuseto così composto vive fino a 100 anni. Una volta raggiunta la maturità viene sfoltito ogni anno del 30% la quota di fusti che ha il tempo di riprodurre per l’anno seguente.

 

Tutti elementi che, biodiversità a parte, rendono profittevole investire in questo materiale.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.