foto pubblicata su Flickr – autore Leandro Neumann Ciuffo

Piazza dei Signori a Padova dal primo agosto è diventata plastic free. Grazie al supporto dell’Appe (l’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi) 13 locali – tra cui bar, pizzerie e fast food – hanno infatti detto addio alla plastica monouso per piatti, bicchieri e cannucce e sono passati alla bioplastica PLA, alla ceramica e all’acciaio. Insieme a Filippo Segato, segretario provinciale di Appe, abbiamo approfondito alcuni aspetti del progetto.

Come è nata l’iniziativa?

Periodicamente l’APPE organizza delle riunioni con gli esercenti che lavorano in Piazza dei Signori. Nell’incontro di aprile, tra i vari temi affrontati, c’è stato anche quello della tutela ambientale. In particolare in quell’occasione ho proposto di dare vita a un’iniziativa pratica per anticipare le disposizioni sulla plastica monouso che entreranno in vigore a partire dal 2021. Abbiamo quindi deciso di richiedere una serie di preventivi ai fornitori per prodotti in plastica riciclabile, sia a livello di associazione sia a livello di singolo esercente. Abbiamo visto che l’abbandono della plastica monouso avrebbe avuto un costo aggiuntivo compreso tra il 20 e il 40% rispetto al prezzo attuale, percentuale variabile in base alle diverse tipologie di prodotto. Si tratta di cifre comunque molto basse su cui un aumento di prezzo incide per pochi centesimi ed è tranquillamente sostenibile.

Nella seconda riunione, che abbiamo avuto tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, abbiamo rifatto il punto della situazione e tutti sono stati concordi nel dare avvio a questa iniziativa. All’inizio dovevamo partire il 15 giugno poi, per motivi logistici, siamo passati al 1 luglio e infine al primo di agosto. Alcuni degli esercizi commerciali aderenti dovevano, infatti, finire le scorte di prodotti in plastica non riciclabile e quindi, siccome volevamo partire tutti insieme, abbiamo scelto una data che andasse bene a tutti.

Quali tipologie di prodotti riciclabili saranno utilizzati nei diversi locali?

I prodotti riutilizzabili sono essenzialmente due. Il primo è il classico bicchiere in plastica che è stato sostituito con un bicchiere in PLA, ovvero una bioplastica riciclabile e compostabile. Questi bicchieri sono usati per il servizio “in piedi” al banco  e per l’asporto. Se invece il cliente si siede al tavolo non cambia nulla e vengono usati come sempre bicchieri di vetro. L’altro prodotto di cui si fa largo uso in questi locali è la cannuccia. In questo caso c’è stata la totale sostituzione con quelle in PLA.

L’iniziativa è un primo step di un percorso più ampio?

E’ quello che auguriamo. Abbiamo voluto dare “un calcio di inizio” a questa partita, sperando che altre piazze e altre città in Italia replichino l’iniziativa. Noi saremmo felici di mettere a disposizioni di altri territori la nostra esperienza. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.